Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 19°23° 
Domani 18°31° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 21 agosto 2019

Politica lunedì 15 giugno 2015 ore 18:05

Rossi, Mazzeo e il peso della sconfitta

Il governatore e il responsabile dell'organizzazione del Pd commentano l'esito dei ballottaggi persi dai democratici a Viareggio, Arezzo e Pietrasanta



FIRENZE — "I ballottaggi dimostrano che questa destra è tutt'altro che sconfitta e che nel ballottaggio è capace di mettersi insieme e dare filo da torcere ala sinistra - ha dichiarato il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi - Il Pd su questo punto dovrà ragionare e trovare capacità di risposta. E non penso che l'esito del ballottaggio avrà un peso nella formazione della giunta. Qualche giornale fa la ripartizione degli assessori, ne prendo spunto per utili consigli".

“Il risultato di ieri è certamente pesante per il Pd toscano ma respingiamo interpretazioni parziali del voto su questi tre Comuni - ha affermato invece Antonio Mazzeo, neo consigliere regionale con oltre 10mila preferenze e responsabile del Pd Toscana - Solo chi non conosce la Toscana può definire Arezzo, Viareggio e Pietrasanta come roccaforti rosse: sono sempre state città dove il voto era contendibile e dove negli anni c’è stata alternanza tra centrodestra e centrosinistra e ogni vittoria era guadagnata sul campo senza dare nulla per scontato”.

“Storicamente la Versilia ha un elettorato moderato dove il centrosinistra ha sempre faticato a sfondare, tanto che 5 anni fa proprio la vittoria a Pietrasanta, come quella a Forte dei Marmi ad esempio, fu definita giustamente ‘storica’ dal momento che strappavamo al centrodestra un comune dove generalmente era forza di governo - ha spiegato Mazzeo -  A Pietrasanta, inoltre, sul voto ha sicuramente influito anche una questione locale legata all’inquinamento dell’acqua potabile con tracce sopra la norma di Tallio, cosa che ha portato giustamente nella popolazione grande preoccupazione, pur non essendone responsabile l’amministrazione comunale".

"Per quanto riguarda Arezzo - ha detto ancora il responsabile organzzazione del Pd Toscana - si può verificare facilmente che questa provincia, insieme proprio a quella di Lucca, sia sempre stata quella dove il centrodestra andava meglio nelle varie elezioni in Toscana, due province cosiddette bianche. Ad Arezzo la compattezza dello schieramento con cui si presentava Ghinelli ha giocato in favore della sua vittoria, e ricordiamo che la città è stata amministrata dal centrodestra fino al 2006, per 7 anni consecutivi, e Ghinelli è stato assessore della Giunta Lucherini".

"A Viareggio ha senza dubbio pesato la grande divisione all’interno del nostro partito, commissariato da mesi - ha concluso Mazzeo - così come ha pesato la situazione di grande difficoltà della città dove è arrivato il commissario prefettizio due volte in pochi anni. E non si può certo dire che a Viareggio la vittoria sia mai stata data per scontata”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Cronaca