comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE6°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 17 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Calenda telefona in diretta, Mastella si alza e se ne va: lo scontro in diretta da Lucia Annunziata

Attualità sabato 07 novembre 2020 ore 19:35

"Covid, se necessario altre ordinanze entro 48 ore"

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Il ministro della salute Speranza non esclude che presto altre regioni entrino in zona rossa o arancione: "Vedremo i nuovi dati e decideremo"



ROMA — Per chi non l'avesse ancora chiaro, ci ha pensato il ministro della salute Roberto Speranza a fugare ogni dubbio: a breve l'Istituto superiore di sanità e il Ministero della salute termineranno l'analisi del nuovo monitoraggio settimanale sull'andamento del contagio nelle varie regioni e altre regioni potrebbero essere dichiarate zone rosse o arancioni, facendo scattare restrizioni anti-Covid più severe.

"Nelle prossime 48 ore vedremo i nuovi dati e, se necessario, ci saranno altre ordinanze - ha spiegato il ministro Speranza - Dev'essere chiaro: noi non stiamo svolgendo funzioni di supplenza nei confronti delle Regioni e queste ultime non si possono lamentare se vengono inserite in zona rossa o arancione perchè i dati sull'epidemia vengono da loro e sono elaborati in base a 21 parametri condivisi da tutti da 23 settimane".

Dopo un venerdì di fuoco, il ministro ha avuto un incontro con i governatori. "Ora c'è un clima più confortevole, maggiore collaborazione, anche loro capiscono che la situazione è grave, la preoccupazione non è tanto per le terapie intensive quanto per i reparti dell'area medica". Riservando un numero sempre maggiore di posti letto ai malati di Covid, in alcuni ospedali italiani è già iniziato lo stop ad altre attività sanitarie programmate, come ad esempio gli interventi chirurgici.

La Toscana per adesso è stata inserita nella zona gialla, quella con le restrizioni più blande, ma è fra le regioni che rischia il salto in zona arancione insieme a Liguria, Campania, Umbria, Veneto ed Emilia Romagna.

Ecco un riassunto in base alle ordinanze entrate in vigore ieri, venerdì 6 Novembre:

  • nell'Area gialla: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Province di Trento e Bolzano, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto.
  • nell'Area arancione: Puglia, Sicilia.
  • nell'Area rossa: Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta.


Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

L'EDITORIALE