Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 00:05 METEO:FIRENZE16°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 04 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Laura Pausini si commuove dopo la vittoria del Golden Globe: «Sono molto emozionata»

Attualità sabato 07 novembre 2020 ore 19:35

"Covid, se necessario altre ordinanze entro 48 ore"

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Il ministro della salute Speranza non esclude che presto altre regioni entrino in zona rossa o arancione: "Vedremo i nuovi dati e decideremo"



ROMA — Per chi non l'avesse ancora chiaro, ci ha pensato il ministro della salute Roberto Speranza a fugare ogni dubbio: a breve l'Istituto superiore di sanità e il Ministero della salute termineranno l'analisi del nuovo monitoraggio settimanale sull'andamento del contagio nelle varie regioni e altre regioni potrebbero essere dichiarate zone rosse o arancioni, facendo scattare restrizioni anti-Covid più severe.

"Nelle prossime 48 ore vedremo i nuovi dati e, se necessario, ci saranno altre ordinanze - ha spiegato il ministro Speranza - Dev'essere chiaro: noi non stiamo svolgendo funzioni di supplenza nei confronti delle Regioni e queste ultime non si possono lamentare se vengono inserite in zona rossa o arancione perchè i dati sull'epidemia vengono da loro e sono elaborati in base a 21 parametri condivisi da tutti da 23 settimane".

Dopo un venerdì di fuoco, il ministro ha avuto un incontro con i governatori. "Ora c'è un clima più confortevole, maggiore collaborazione, anche loro capiscono che la situazione è grave, la preoccupazione non è tanto per le terapie intensive quanto per i reparti dell'area medica". Riservando un numero sempre maggiore di posti letto ai malati di Covid, in alcuni ospedali italiani è già iniziato lo stop ad altre attività sanitarie programmate, come ad esempio gli interventi chirurgici.

La Toscana per adesso è stata inserita nella zona gialla, quella con le restrizioni più blande, ma è fra le regioni che rischia il salto in zona arancione insieme a Liguria, Campania, Umbria, Veneto ed Emilia Romagna.

Ecco un riassunto in base alle ordinanze entrate in vigore ieri, venerdì 6 Novembre:

  • nell'Area gialla: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Province di Trento e Bolzano, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto.
  • nell'Area arancione: Puglia, Sicilia.
  • nell'Area rossa: Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta.
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS