Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE13°23°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cagliari-Fiorentina, stadio in piedi per omaggio a Ranieri che si commuove

Attualità lunedì 22 aprile 2024 ore 10:00

La congestione sentinella dello scompenso cardiaco

Alberto Palazzuoli
Alberto Palazzuoli

Uno studio toscano ha dimostrato per la prima volta come la valutazione ecografica della congestione polmonare serva a definire il profilo di rischio



SIENA — La congestione sentinella dello scompenso cardiaco, la cui valutazione per via ecografica è utile a definire il profilo di rischio del paziente e dunque la terapia: è del cardiologo senese Alberto Palazzuoli, responsabile Uosa Malattie Cardiovascolari dell’Azienda ospedaliero-universitaria senese, lo studio pubblicato su “Eur Heart Journal Cardiovasc Imaging”, prestigiosa rivista scientifica stampata dal 1980 per conto della Società Europea di Cardiologia. 

Lo studio è dedicato proprio a uno dei primi e più importanti sintomi dello scompenso cardiaco: la congestione. Quest’ultima consiste nell’accumulo di liquidi e sodio nei tessuti, e può palesarsi sia a livello polmonare che a livello sistemico. È stato infatti dimostrato che circa il 30% dei pazienti affetti da questa patologia venga ospedalizzato entro un anno dalla prima diagnosi a causa di questa condizione. 

Molto spesso anche i pazienti ricoverati vengono dimessi con uno stato di congestione latente ancora non perfettamente risolta. Il dottor Palazzuoli, a capo del gruppo di studio sullo scompenso cardiaco della Società Italiana di Cardiologia, ha condotto la ricerca su un campione di circa 250 pazienti, di cui oltre il 70% reclutati all’Aou Senese.

"La valutazione clinica e laboratoristica è stata integrata dalla valutazione ecografica polmonare per quantificare lo stato di congestione su questo distretto", spiega Palazzuoli. Ebbene: "Il protocollo ha evidenziato come la valutazione effettuata mediante questa metodica mostra che una rilevante percentuale dei pazienti ha una congestione polmonare residua alla dimissione. Questo studio dimostra per la prima volta che l’ecografia polmonare risulta fondamentale per effettuare una valutazione su diagnosi e severità dello scompenso cardiaco".

Importante il monitoraggio: "La monitorizzazione nel tempo attraverso questa metodica - prosegue Palazzuoli - risulta utile per stabilire il profilo di rischio (alto o più basso) e quindi identificare i soggetti da trattare in modo intensivo in cui una terapia endovenosa più prolungata può comportare un beneficio sulla prognosi".

"Un’analisi combinata di criteri clinici laboratoristici e ultrasonografici – conclude il dottor Palazzuoli - effettuata all’ingresso e nel corso della degenza, è risultata pertanto la metodica più efficace nella valutazione del profilo di rischio nei pazienti affetti da scompenso cardiaco acuto".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno