Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:21 METEO:FIRENZE23°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 15 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lenny Kravitz in concerto interrotto dalla videochiamata di Denzel Washington
Lenny Kravitz in concerto interrotto dalla videochiamata di Denzel Washington

Cultura giovedì 21 dicembre 2023 ore 12:35

"Caro Dante", ritrovate opere del corrispondente d'Alighieri

Miniatura di Dante e Virgilio – Crediti Digital Bodleian
Miniatura di Dante e Virgilio (Crediti Digital Bodleian)

A fare la scoperta è stato il dottorando dell'ateneo senese Giandomenico Tripodi. Squarciato il velo sul misterioso Giovanni del Virgilio



SIENA — "Caro Dante", "Caro Giovanni": uno è l'Alighieri, l'altro è il misterioso Giovanni del Virgilio che col Sommo Poeta intrattenne un epistolario sinora sconosciuto. Ebbene non più, perché il dottorando in filologia e critica presso l'ateneo senese Giandomenico Tripodi adesso ha riportato alla luce alcuni testi di Del Virgilio, maestro bolognese.

La scoperta è stata effettuata a margine di un progetto di ricerca sul commento inedito di Benvenuto da Imola alla Georgiche di Virgilio, e permette di accedere direttamente ai più ampi commenti sulle opere virgiliane (Bucoliche, Georgiche ed Eneide) prodotti nell’intero Medioevo oltre a dare un volto a questo misterioso personaggio i cui scritti si credevano ormai perduti. 

Ecco che adesso si riapre la questione sul rapporto fra il magister Giovanni e l’autore della Commedia sotto il segno della comune guida, il tanto amato Virgilio.

L'emozione della scoperta

Leggendo e catalogando i numerosi manoscritti medievali sparsi per le biblioteche d’Europa recanti testimonianze dei poemi di Virgilio, Tripodi ha individuato due esemplari straordinari: il primo fra i tesori della Biblioteca Apostolica Vaticana, il secondo nella Biblioteca Universitaria di Padova. 

Giandomenico Tripodi

Giandomenico Tripodi

Prodotti attorno alla metà del Trecento, i due manoscritti tramandano i commenti alle tre opere virgiliane nella forma di appunti presi da studenti a lezione all’Università di Bologna. Dopo un lungo studio dei codici e un’analisi approfondita di elementi stilistici, linguistici, riferimenti intertestuali, autocitazioni e testimonianze indirette, lo studioso ha potuto attribuire questi commenti proprio al maestro Giovanni. 

"Finalmente possiamo toccare con mano quei testi che diedero il soprannome 'del Virgilio' al corrispondente di Dante", dice Tripodi.

Dante e Giovanni, il legame nel nome di Virgilio

Ma che importanza aveva nella cultura dell’epoca lo studio di Virgilio che accomunava Giovanni e Dante? È proprio la figura di Virgilio a legare il professore bolognese all’Alighieri. I due si erano incontrati a Bologna nei primi anni del Trecento e si erano in seguito confrontati in una serrata corrispondenza in versi latini, le Ecloghe

Giovanni consigliava a Dante di comporre un poema in latino per guadagnarsi la corona d’alloro, ma Dante rispondeva ribadendo la sua fedeltà alla lingua volgare. Quel che di certo li vedeva d’accordo era invece la profonda ammirazione per il poeta latino per eccellenza, quel Virgilio che aveva accompagnato Dante nel suo viaggio fra Inferno e Purgatorio, e che Giovanni commentava appassionatamente a lezione. 

Fino a ieri, tuttavia, nessuno di quei preziosi commenti del maestro pareva essere giunto fino a noi.

Convegni e seminari

Il ritrovamento, fa sapere l'università di Siena in una nota, ha avuto grande risonanza, e non solo in ambito accademico. 

Giandomenico Tripodi ha già pubblicato la dimostrazione filologica della scoperta sull’attuale numero della rivista scientifica Italia Medioevale e Umanistica (LXIII, 2022) e pubblicherà le edizioni critiche dei tre commenti nei prossimi anni nella collana delle “Edizioni Nazionali dei Testi Mediolatini d’Italia” per i tipi della Sismel – Edizioni del Galluzzo. 

Il primo intervento pubblico sul tema si è tenuto all’Università di Siena nell’ambito dei Seminari del Martedì del Centro Ama (Dfclam). È poi seguita una giornata di studi promossa dall’Università di Bologna, dove aveva insegnato lo stesso Giovanni del Virgilio. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno