Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:47 METEO:FIRENZE7°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 08 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Blanco distrugge i fiori di Sanremo e il pubblico fischia

Attualità venerdì 04 luglio 2014 ore 18:09

Sviluppo rurale, 961 milioni per la Toscana

Servizio di Elena Casi

La Regione ha presentato il programma dei finanziamenti europei 2014-2020. Ci sono 90 milioni di euro in piu' rispetto al settennato precedente



FIRENZE — La Toscana sarà fra le prime regioni ad inviare a Bruxelles la bozza del nuovo Programma di Sviluppo Rurale 2014- 2020. Oggi, dopo un lavoro di oltre un anno che ha visto il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati, la bozza è stata presentata nella riunione di "partenariato" che si è tenuta nell'Auditorium del Consiglio regionale.

"Contiamo di fare presto a concludere tutto l'iter in modo da garantire continuità fra la vecchia e la nuova programmazione - ha dichiarato l'assessore Salvadori - Prima della fine dell'anno intendiamo rendere operativo il nuovo programma di Sviluppo Rurale, per ottobre vorremmo avere pronti i primi bandi."

Il nuovo Psr, un documento di 700 pagine, avrà una dotazione di 961 milioni, 90 milioni in più rispetto al vecchio programma. "Vuol dire – ha sottolineato l'assessore – che ogni anno ci saranno 15 milioni in più da spendere per le imprese toscane. Intendiamo puntare sulla competitività – ha aggiunto l'assessore – e investiremo su questo oltre il 50% delle risorse."

Gli interventi principali riguarderanno i giovani e la necessità di investire nel ricambio generazionale.

"Puntiamo a raddoppiare il numero di giovani che faranno impresa in agricoltura, oggi sono il 20% – ha detto l'assessore – e per questo saranno strategiche misure riguardanti il credito e la terra, che molti giovani non hanno a disposizione."

Sul credito l'assessore ha sottolineato la necessità di strumenti adatti alle imprese agricole, che hanno bisogni e caratteristiche diverse rispetto a quelle manifatturiere. Per quanto riguarda la terra Salvadori ha invece ricordato la creazione dell'Ente Terre di Toscana, con la "Banca della terra" .

"Dobbiamo garantire reddito a tutti gli operatori della filiera – ha insistito- e dobbiamo fare in modo che questa ricchezza resti in Toscana."

Gli altri pilastri del Psr riguarderanno l'ambiente e il territorio, con il settore forestale come presidio per uscire dalla logica emergenziale nei confronti del dissesto idrogeologico e dei cambiamenti climatici, il miglioramento della qualità e la tracciabilità dei prodotti, con l'integrazione sempre maggiore della ricerca e dell'innovazione (Università e centri di ricerca in forte sinergia con il modo produttivo) e la semplificazione. Fra le priorità sulle quali si indirizzerà l'azione regionale ci saranno la zootecnia, il settore degli ortaggi e la coltivazione dell'olivo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Gianni Salvadori - dichiarazione

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno