Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 13° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 09 dicembre 2019

Cultura giovedì 06 novembre 2014 ore 15:15

Tattoo convention, il corpo è un'opera d'arte

Intervista a Matt Gone sul mondo del tatuaggio

Matt Gone, uomo tatuato al 99%, sarà alla Florence tattoo convention che invaderà, con oltre 300 tatuatori, la Fortezza da Basso dal 7 al 9 novembre



FIRENZE — Il maestro giapponese Shige, il tattoo artist californiano Nikko Hurtado, Yomico Morena dal Venezuela, sono alcuni dei nomi più importanti del panorama internazionale del mondo del tatuaggio che parteciperanno alla settima Florence Tattoo Convention che da venerdì 7 a domenica 9 novembre sarà al padiglione Spadolini della Fortezza da Basso.

Firenze si conferma patria del tatuaggio ma non solo per l'avvio della kermesse, che offre una delle migliori panoramiche internazionali sul settore: nell'ultimo anno in tutta la provincia di Firenze, secondo alcuni studi di Confartigianato, sono nati 50 tattoo studio, un +20% rispetto al 2013. Boom del tatuaggio quindi, basti pensare che il 7,5% degli adolescenti italiani e oltre il 20% dei maggiorenni hanno un tatuaggio.

Il corpo inteso come un'opera d'arte è quello di Matt Goneartista americano e uno degli uomini più tatuati al mondo, che quest'anno parteciperà come l'uomo più tatuato della convetion fiorentina

Guarda l'intervista a Matt Gone sul mondo del tatuaggio  

Presente alla kermesse il meglio del panorama internazionale del mondo del tatuaggio: Shige, dello studio Yellow Blaze Tattoo, NiKKo Hurtado del Black Anchor Collective della California e Yomico Moreno, proveniente dal Venezuela. Tra gli altri, parteciperanno anche Maximo Lutz, Tommy Lompad, Roman Sunico, Juan Gonzalez, e non mancheranno i big italiani come Alex De Pase, Billi Murran, Marco Galdo, Stizzo, Genziana e Vlady.
Fari puntati sui maestri del tatuaggio tradizionale, cioè quel tipo di tatuaggio che si fa ancora con gli antichi strumenti che venivano utilizzati dalle culture tribali.
Colin Dale userà l'antica tecnica Inuit scandinava, la tecnica Irezumi sarà applicata da Masaharu Kedowaky (Tenkiryu) della Horiyoshi family e Ryugen, presenti anche i due maestri del Tebori Ouka del Rat-Sill tattoo e Lupo Horiokami. Pili Mo'o, Brent McCown e Sulu’ape rappresentanti dello stile maori a martelletto e polinesiano.

Atteso il seminario di Bill Loika dello storico studio Tattoo Peter che insegnerà a costruire un vero e proprio sketch book americano, ossia un Hold school flash. Sarà presente anche Lars Krttak, il famoso Tattoo Hunter di Discovery Channel, che illustrerà i tatuaggi tribali dal significato spirituale della tribù indiana Naga.



Tag

Segre e Mattarella alla Prima della Scala di Milano

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità