Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:45 METEO:FIRENZE18°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Gli Azzurri? Ci somigliano...
Gli Azzurri? Ci somigliano...

Attualità lunedì 18 settembre 2023 ore 10:05

In Mugello una lunga storia di terremoti

I sopralluoghi in Mugello dopo la scossa del 2019
I sopralluoghi in Mugello dopo la scossa del 2019

L'area è ad alta pericolosità sismica. La ricostruzione delle scosse più forti dal Cinquecento al 1919, quando il sisma distrusse il territorio



MUGELLO — Un terremoto di magnitudo 6.0 il 13 Giugno 1542. Una scossa di intensità stpima in magnitudo 6.05 il 22 Marzo 1661, e poi una di magnitudo 5.6 il 29 Ottobre 1725. Quella poi di magnitudo 6.4 del 29 Giugno 1919 resta fra le più importanti del XX secolo in Italia, mentre un secolo dopo, il 12 Settembre 2019, a seguito di una scossa di magnitudo 4.5 venne dichiarato lo stato di emergenza regionale.

C'è una lunga e intensa storia che lega il Mugello e in particolare la zona interessata dalla forte scossa accompagnata da uno sciame e registrata stamani alle 5,10 a Marradi, al confine fra Toscana ed Emilia-Romagna. La magnitudo è stata di 4.9.

Tornando alla storia della sismicità in Mugello, l'evento sismico del 1919 è forse il più forte registrato in quel tratto d'Appenninico. Ebbe conseguenze distruttive specialmente a Borgo San Lorenzo e Dicomano. Lo sciame iniziò con lievi scosse nella notte, poi alle 17,06 la terra tremò con un'intensità di 6.4. Case lesionate, crolli, edifici inagibili. A Borgo San Lorenzo gli effetti vennero stimati sulla scala Mercalli fra i gradi 8 e 9, con oltre la metà degli edifici inabitabili.

Fu colpito anche l'Aretino con danni in Casentino fra Pratovecchio, Poppi, Stia Bibbiena - già colpite dal terremoto a Novembre 1918 -  e nel Valdarno superiore tra Loro Ciuffenna, Terranova Bracciolini, San Giovanni Valdarno e a Figline Valdarno in provincia di Firenze.

Dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), nel ricostruire la storia degli eventi sismici in quella porzione di Toscana che è cerniera con l'Emilia Romagna gli esperti ricordano come l'area sia effettivamente caratterizzata da un'alta pericolosità sismica.

Oggi prima dell'alba tanta paura, con i cittadini che si sono riversati in strada. In Toscana secondo una prima ricognizione non si sono verificati danni a persone, pochi agli edifici. Non così sul versante appenninico romagnolo, con edifici inagibili a Tredozio e scuole chiuse a Modigliana.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno