Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:50 METEO:FIRENZE21°35°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 21 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Alaska, l'orso nuota pacificamente vicino ai barcaioli: la scena molto condivisa sul web
Alaska, l'orso nuota pacificamente vicino ai barcaioli: la scena molto condivisa sul web

Attualità martedì 12 marzo 2024 ore 19:10

Aumentano le aggressioni ai sanitari, infermieri i più colpiti

infermiere

I casi denunciati nel 2023 in Toscana sono stati 2.356, per lo più da parte degli stessi pazienti. Allo studio misure per arginare il fenomeno



TOSCANA — Aumentano in Toscana le aggressioni ai sanitari, con gli infermieri che risultano i più colpiti in percentuali fra il 42,86% e il 74,36% a seconda delle aziende sanitarie. L’Osservatorio della Regione Toscana ha registrato 2.356 casi nel 2023: 1769 aggressioni verbali, 478 fisiche e 109 contro la proprietà. 

I dati sono stati resi noti in occasione della giornata nazionale contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari, che ricorre il 12 Marzo.

Le aggressioni registrate avvengono per lo più da parte dei pazienti, ma anche di parenti o conoscenti che assistono un caro.

La Regione Toscana ha recentemente messo in campo un progetto che prevede azioni di informazione e comunicazione rivolte alla cittadinanza con il fine di spiegare come funziona una struttura sanitaria e promuovere uno spirito positivo nei confronti degli operatori. Ugualmente il progetto prevede anche azioni di formazione e informazione rivolte agli operatori sanitari e sociosanitari, oltre che la dotazione di strumenti per aumentare il grado di tutela del personale. 

Gli edifici saranno dotati di nuove e ulteriori telecamere di videosorveglianza a circuito chiuso sia all’interno che all’esterno, saranno istallati pulsanti di allarme o emergenza collegati a sale di controllo, saranno installati dispostivi per controllare gli accessi a edifici e locali attraverso badge, acquistati e sperimentati dispositivi di emergenza indossabili con possibilità di chiamata con localizzazione Gps.

Complessivamente si tratta di un investimento da due milioni e 100mila euro in due anni, equamente distribuiti tra le aziende sanitarie e ospedaliero-universitarie toscane per il 2024 e 2025.

“Si tratta di un fenomeno a cui prestiamo grande attenzione", sottolinea l’assessore al diritto alla salute, Simone Bezzini. "La Regione - aggiunge - si è mobilitata da tempo per promuovere maggiori ed omogenei livelli di sicurezza nelle strutture sanitarie, per migliorare i livelli di sicurezza del personale, per gestire ogni singolo episodio segnalato e monitorare l’andamento degli eventi”.

“Bisogna costruire una cultura del rispetto per chi, attraverso il proprio lavoro, dà concretezza al diritto alla salute".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno