Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:30 METEO:FIRENZE16°20°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 29 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Giornalista nella furia dell'uragano Ian: si aggrappa a un cartello per non volare via

Attualità lunedì 06 giugno 2022 ore 17:00

Ecco i carabinieri che hanno ricevuto l'encomio

La consegna degli encomi
La consegna degli encomi

Nel corso della celebrazione dei 208 anni dalla fondazione dell'Arma, ecco chi sono i carabinieri che sono stati premiati per l'attività di servizio



TOSCANA — Sono stati premiati per il coraggio, la perseveranza e i risultati ottenuti nel loro lavoro. Stiamo parlando dei carabinieri che oggi, nel corso delle cerimonie per festeggiare i 208 anni dalla fondazione dell'Arma, hanno ricevuto un encomio:

- luogotenente Francesco Di Gennaio, brigadiere capo Massimo Caliari, appuntato Mosé Cerulli del Comando provinciale di Firenze per l'indagine contro un sodalizio criminale di matrice mafiosa dedito allo smaltimento illecito di rifiuti. 13 provvedimenti cautelari, sequestro di due impianti di gestione rfiuti e beni immobili e mobili per un valore di 20 milioni di euro.

- nucleo investigativo di Firenze per l'indagine sul doppio omicidio iniziato dopo il ritrovamento dei cadaveri di una coppia di coniugi scomparsi da 5 anni;

- luogotenente Antonio Rosari e maresciallo maggiore Carlo Satti del Comando provinciale di Carrara per l'indagine su un centro di accoglienza in cui sono state indagate 8 persone accusate a vario titolo di corruzione, traffico di influenze, maltrattamenti, truffa ai danni di un ente pubblico; 

- maresciallo ordinario Massimiliano Bonaventura, appuntato scelto Emiliano Cagiotti, carabiniere Francesco Cellamare, in servizio alla stazione di di Bagno a Ripoli, alla compagni di Firenze Oltrarno e alla stazione di Firenze Legnaia per l'indagine su un sodalizio criminale dedito allo spaccio di droga;

- luogotenente Roberto Petrini, luogotenente Massimo Rodella e maresciallo capo Eleonora Paganucci del Comando provinciale di Firenze per l'indagine che ha portato all'arresto dell'autore di un efferato omicidio;

- maresciallo maggiore Alessandro Tozzi, maresciallo ordinario Massimo Iservia, vicebrigadiere Giusppe Vottari, vicebrigadiere Gianfranco Cangelli, vicebrigadiere Claudia Lunesu, appuntanto scelto Giuseppe Galioto, carabiniere scelto Alessio Pieralberto Maria Pegorari, addetti al Compagnia di Firenze, alla stazione di Firenze Rovezzano e alla stazione di Santa Maria Novella per il fermo di 7 persone responsabili di numerosi furti aggravati o tentati furti in abitazione situate in tutta Italia, recuperando la refurtiva

- luogotenenti carica speciale Federico Guzzarri e Lorenzo Salerno del Comando provinciale di Firenze per l'indagine su due esponentei di un clan camorristico campano che ha portato alla denuncia di 16 persone per riciclaggio, impiego di denaro di provenienza illecita ed emissione di false fatture;

- tenente colonnello Marta Ciampelli, maresciallo ordinario Antonio Russo, appuntato scelto Marco Riccitelli, appuntato scelto Daniele Portovenero, appuntato Davide Marchetti per l'indagine su un'associazione criminale dedita al traffico illecito di rifiuti, alla riduzione in schiavitù e allo sfruttamento del lavoro di diversi lavoratori di azionalità cinese, con arresto di un imprenditore e la denuncia di altre tre;

- tenente Aldo Gargiulo, luogotenente Andrea Piccarossi, luogotenente Tommaso Surico, luogotenente Giampaolo Rossi, luogotenente Giuseppe Pampena, maresciallo Domenico Bellopiede, brigadiere capo Mauro Salvatore Mario Mario Manca, brigadiere Fabio Fiumana, vicebridgadiere Gianfranco Semeraro, appuntato scelto Samuele Bernacchi della Compania di Arezzo e del Comando provinciale di Arezzo per l'indagine su 13 persone ritenute responsabili di detenzione e spaccio di stupefacenti;

- maresciallo Simone Poggesi, brigadiere capo Alessandro Paris, brigadiere capo Gabriele Subiaco, appuntato Roberto Claudio  Moschetti del Norm della Compagnia di San Giovanni Valdarno per l'indagine concluse con 8 arresti per spaccio di droga, tentata estorsione e furto aggravato;

- maggiore Christian Bottacci, luogotenente Giorgio Di Nardo, brigadiere capo Mauro Ginnetti, vicebrigadiere Giuseppe Landolfi della Compagnia di cecina per l'indagine che ha portato a smantellare un traffico di stupefacenti;

- tenente colonnello Dario Ragusa, maggior Sebastiano Maieli, luogotenente Luigi Golia, luogotenente Antonio Di Noia, luogotenente Andrea Giovannoni, luogotenente Marco Scoti, maresciallo Giorgio Guerrini, brigadiere capo Francesco Iraci, brigadiere Sandro Podda, vicebrigadiere Cristian Colombo, appuntato Marco Scarpati, appuntanto Fabio Siciliano, appuntato Giovanni Martino del Comando provinciale di Lucca per l'indagine sui furti in danno a bancomat di uffici postali e banche della provincia di Lucca;

- tenente colonnello Sebastiano Sergio Pennisi, luogotenente Fabrizio Miasto, luogotenente Davide Scarso, luogotenente Giorgio Campana, brigadiere capo Fabio Burgio, brigadiere capo Antonino Settimo Celestino, appuntato Giuseppe Marte, appuntato Fabio Antonucci del nucleo investigativo di Pisa per l'individuazione e l'arresto del responsabile di un efferato omicidio;

- vicebrigadiere Gianluca Coppa della stazione di Ponsacco per aver inseguito e fermato, al di fuori dell'orario di servizio, un uomo che aveva appena accoltellato la moglie;

- luogotenente Marco Martini, maresciallo Pietro Grilli, appuntato Armando Sulis, appuntato Damiano Macaluso della stazione di Pontedera per l'indagine di un sodalizio criminale che metteva in atto rapine isolate;

- luogotenente Francesco Marraccini, maresciallo capo Lorenzo Guidotti, appuntato scelto Luciano Scala, carabiniere Alberto Borlizzi della stazione di Pescia per l'indagine su 3 operatrici socio-sanitarie responsabili di maltrattamenti sugli ospiti di una rsa;

- tenente colonnello Riccardo Marchi, tenente colonnello Enrico Vellucci, maresciallo capo Giacomo Mazzocchi, maresciallo Domenico Falanga, brigadiere capo Massimo Ruggiada, brigadiere Federico Fiori, appuntato Antonio Sabatino, appuntato Nicola Costantino del Comando provinciale di Prato per l'ndagine anti-droga che ha portato all'arresto di 14 persone e al sequestro di 169 chili di marijuana;

- tenente colonnello Michele Laghi, capitano Angelo Aliberto, luogotenente Antonio Pili, luogotenente Sauro Cherici, maresciallo ordinario Luca Nucci, vicebrigadiere Fabio Lupica Cristo, appuntanto scelto Mauro De Angelis, carabiniere Julian David Acevedo del nucleo investigativo di Siena, della Compagnia di Montepulciano della stazione di Montepulciano per l'indagine su un sodalizio criminale che metteva in atto furti ai bancomat;

- capitano Pieluigi Mascolo, sottotenente Pietro Di Gregoli, luogotenente Mauro Pietrucci, luogotenente Antonio Dessì, maresciallo Angelo Capasso, appuntato Valerio Patruno, appuntato Angelo Vitagliano della Compagnia di Follonica, Norm di Follonica e stazione di Gavorrano per aver individuato i rapinatori di una farmacia;

- vicebrigadiere Marco Cioffi, appuntato scelto Maurizio Modetti della Compagnia di Lucca per aver salvato un anziano intrappolato in un'abitazione in fiamme;

- maresciallo Stefano d'Albenzio, appuntato Antonino Giacopello della stazione di Vernio per aver soccorso e tratto in salvo una ragazza che minacciava di gettarsi da un ponte;

- brigadiere capo Alessandro Buratti, carabiniere Ivonne Rolla del Comando provinciale di Pisa e della stazione di Pontasserchio per aver salvato una ragazza minorenne che manifestava propositi suicidi;

- carabiniere Rosario Piazzese della stazione di Cecina che ha tratto in salvo una donna che aveva scavalcato la terrazza di un edificio palesando intenti suicidi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le ragazza ha 16 anni ed è grave. I mezzi coinvolti sono l'utilitaria a su cui viaggiavano le due donne e un furgone van con 5 persone a bordo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Attualità

Attualità