Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:35 METEO:FIRENZE23°40°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 19 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, così il rapinatore seriale gira dietro il bancone, minaccia la farmacista e si impossessa dell'incasso
Milano, così il rapinatore seriale gira dietro il bancone, minaccia la farmacista e si impossessa dell'incasso

Attualità lunedì 13 maggio 2024 ore 16:00

Export agroalimentare, tre province al top

Secondo la classifica di Coldiretti, in Toscana primeggiano Firenze, Siena e Pistoia. I prodotti più richiesti sono invece vino, olio e piante



TOSCANA — Le esportazioni agroalimentari della Toscana, nel 2023, hanno tre province di riferimento: Firenze, Siena e Pistoia. Sono queste ultime a collocarsi sul podio, rispettivamente con 900, 667 e 584 milioni di valore dell'export, contribuendo allo storico record di prodotti all’estero. Nell'anno passato, infatti, le esportazioni hanno sfiorato i 3,5 miliardi di euro di valore, con un balzo del 5% rispetto al 2022.

Ai piedi del podio, invece, si posizionano Lucca (358 milioni), quindi Arezzo (282 milioni), Livorno (246 milioni), Grosseto (230 milioni), Pisa (169 milioni), Prato (27 milioni) e Massa Carrara (3,5 milioni).

La classifica, nel dettaglio, è stata stilata da Coldiretti Toscana, sulla base dei dati Istat. "L’agroalimentare è una locomotiva sempre più importante dell’economia toscana, un settore strategico dal punto di vista dell’occupazione - ha commentato Letizia Cesani, presidente Coldiretti Toscana - la crescita delle esportazioni è diffusa e costante sul territorio a conferma della straordinaria richiesta dei prodotti Made in Tuscany sui mercati internazionali".

Inoltre, nell’anno appena concluso è il vino a essere il prodotto regionale più richiesto con quasi 1,2 miliardi di euro (-4%) insieme all’olio e derivati con 996 milioni di euro (+16,6%), oltre al settore del vivaismo con 375 milioni di euro (-0,5%).

"Il primato del Made in Tuscany all’estero è trainato da un’agricoltura tra le più green d’Europa - conclude Coldiretti - con il 34% delle superfici biologiche e quasi 10mila operatori impegnati, 467 specialità alimentari tradizionali e 90 filiere del cibo e del vino Dop e IGP".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno