Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:35 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 21 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il caso Viganò è lo scisma populista (e complottista) del XXI secolo?
Il caso Viganò è lo scisma populista (e complottista) del XXI secolo?

Attualità martedì 06 giugno 2023 ore 11:30

Flash flood, cos'è il fenomeno che allaga la Toscana

Flash flood sul monte Morello a Sesto Fiorentino
Flash flood sul monte Morello a Sesto Fiorentino
Foto di: https://www.mediovaldarno.it/

Reticolo idrografico minore in crisi, sistema di scolo che non riesce a scaricare a sufficienza, fiumi gonfi e allerta continua: ecco perché succede



TOSCANA — Corsi d'acqua e torrenti gonfi, sistema urbano di scolo che non riesce a scaricare a sufficienza, allagamenti e allerta continua: il fenomeno che in questi giorni allaga la Toscana si chiama in gergo tecnico flash flood, vale a dire alluvione lampo generata da temporali forti, improvvisi, di breve durata che scaricano in punti precisi.

A spiegare cosa sta succedendo in Toscana è il Consorzio di bonifica Medio Valdarno che ha dovuto fronteggiare nelle scorse ore fenomeni temporaleschi che si sono abbattuti in diverse aree, quasi uno al giorno, in forma estremamente localizzata con conseguenze critiche tra Montelupo Fiorentino, Poggibonsi e Sesto Fiorentino alle porte del capoluogo toscano.

"Innanzitutto è bene fare chiarezza sulle cosiddette ‘alluvioni urbane’, ovvero gli eventi alluvionali di centri urbani in cui l’acqua, oltre a ruscellare in superficie, fuoriesce dalle reti di drenaggio artificiali o dai fossi urbani minori spesso tombati, sono riconosciute tra gli eventi calamitosi di origine meteorologica a cui è associato il più alto rischio di danneggiamento di beni, attività ed infrastrutture e, spesso, di perdita di vite umane", premettono gli esperti.

In quest’ambito le alluvioni si distinguono a loro volta fra ‘fluviali’ e ‘pluviali’, con le prime che avvengono in prossimità e a causa della esondazione di un corso d’acqua mentre le seconde possono avvenire in qualsiasi zona di una città dove vi sia una rete di drenaggio urbano specie con eventi di pioggia intensi (più di 30 millimetri l'ora) e di breve durata (meno di tre ore) che sovraccaricano il sistema delle infrastrutture di scolo stradale, fognario e via dicendo.

Il presidente del Consorzio di bonifica Medio Valdarno Marco Bottino parla di "nemico subdolo e violento": "Dopo Montelupo, Poggibonsi e poi Sesto Fiorentino - racconta - in molti mi hanno chiamato per manifestare il loro stupore per questi eventi. Cosa fare? Lavorare per mantenere e prevenire è senz’altro una chiave per mitigare il rischio e limitare i danni. Ma non sempre è sufficiente", conclude.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per cause tutte da chiarire, il grosso mezzo ha finito con l'impattare sulle vetture a bordo strada. Il conducente è stato portato in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità