Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:FIRENZE15°24°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 14 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rocco Hunt fa visita agli Azzurri in Germania per Euro 2024 e canta nello spogliatoio:

Attualità martedì 31 gennaio 2023 ore 15:30

Malattie professionali, impennata post Covid

operaio

Più uomini che donne, problemi soprattutto di natura osteo-muscolare, specialmente nell'industria: tutti i numeri, le province più colpite



TOSCANA — Impennata post Covid per le denunce di malattie professionali in Toscana dove nei primi 11 mesi del 2022, col rientro dei lavoratori in aziende e uffici dopo mesi di limitazioni e smart working, si è registrato un incremento del +12,3%. Addirittura, prendendo a riferimento il solo mese di Novembre il balzo è del +23%. I dati arrivano da fonte Inail per l'elaborazione di Epaca Toscana, l'Ente di patrocinio e assistenza per i cittadini e l’agricoltura di Coldiretti.

Dal rapporto gli uomini risultano più colpiti (6.015) delle donne (2.451), mentre le malattie più diffuse, tutte in forte crescita rispetto all’anno precedente, si confermano come nel 2021 quelle del sistema osteo-muscolare e del tessuto connettivo, seguite da quelle del sistema nervoso e dell’orecchio.

In valore assoluto, da Gennaio a Novembre 2022 il numero di malattie professionali è passato da 7.538 dell’anno prima a 8.466, spinte dal settore industria e servizi con 7.512 richieste (+12%), poi dall’agricoltura con 875 (+6%) e infine Conto Stato con 79 (+64%). 

L’incremento di domande interessa 8 province su 10 in Toscana. Solo due province, infatti, hanno registrato una diminuzione di domande: sono Pistoia (-14%) e Lucca (-1,3%), dove però si concentra il maggior numero di pratiche di tutta la regione (1.792). L’impennata più consistente è stata registrata nell’area di Firenze (+ 27%) con 764 domande complessive seguita da Livorno (+16%) con 1.461, Siena (+12,5%) con 225 domande.

Sul versante indennizzi, il dato disponibile è quello del 2021 ed è nazionale, con un aumento dei casi risarciti, oltre a quelli riconosciuti. Gli indennizzi in capitale sono passati dagli 8.119 del 2020 agli 8.974 del 2021 (+10,53%). Per quanto riguarda le rendite dirette si passa dai 3.011 casi nel 2020 ai 3.264 nel 2021 (+8,40%). 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno