comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:13 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 25 novembre 2020
corriere tv
Covid a Milano, Gallera: «La situazione migliora, indice Rt a 0,8»

Lavoro venerdì 02 ottobre 2020 ore 14:00

Redazione del quotidiano Il Tirreno in sciopero

Il gruppo Gedi sta trattando la vendita della storica testata insieme ad altre tre con sede in Emilia Romagna. La Regione Toscana in campo



TOSCANA — I lavoratori dei quotidiani locali del gruppo Gedi hanno scioperato per 24 ore, redazioni web comprese, a seguito della notizia di una trattativa in corso per la cessione di quattro storiche testate: il Tirreno di Livorno, la Gazzetta di Modena, la Gazzetta di Reggio e la Nuova Ferrara.

"La volontà di dismettere alcune o tutte le testate ex Finegil era evidente da tempo, nonostante le rassicurazioni date nell'unico incontro avuto quest'anno con l'amministratore delegato e il direttore editoriale di Gnn - si legge in una nota delle assemblee di coordinamento dei 13 quotidiani ex Finegil - L'operazione in corso è particolarmente grave, nelle dinamiche e negli effetti, perchè porterà alla distruzione dell'esperienza che da più di 40 anni rappresenta Finegil: un'informazione locale libera e indipendente legata a un grande gruppo editoriale, prima l'Editoriale l'Espresso e poi Gedi".

Nel comunicato dei lavoratori si ipotizza che alla vendita di alcuni quotidiani locali Gedi farebbe seguire l'acquisizione del quotidiano nazionale Il Sole 24 ore. 

"A questo punto chiediamo all'editore di venderci tutti, in blocco - si legge nella nota - In questo modo potremmo salvaguardare conoscenze, esperienze e, più in generale, un modello di informazione glocal che ha avuto successo e che in quasi tutte le realtà rende ancora economicamente, a differenza della stampa nazionale che appare in una crisi disastrosa".

La Federazione nazionale della stampa e le associazioni regionali di Emilia Romagna e della Toscana hanno espresso preoccupazione per le voci insistenti relative alla cessione.

"Il sindacato dei giornalisti seguirà in tutte le articolazioni l'evolversi della trattativa, assicurando ai colleghi l'assistenza necessaria - garantisce la Fnsi - L'auspicio è che il gruppo Gedi valuti tutti gli aspetti, a cominciare dalla serietà degli interlocutori, e le ricadute di un'eventuale cessione, evitando che un'operazione di questa portata si traduca in un ridimensionamento delle testate interessate e in tagli indiscriminati all'occupazione".

Al Tirreno lavorano attualmente circa 70 giornalisti e 40 poligrafici ed è in difesa di questi posti di lavoro nonchè della pluralità dell'informazione locale che si sta mobilitando anche la Regione Toscana.

“Vogliamo seguire con attenzione l’evolversi della trattativa, assicurando tutto il supporto necessario laddove in gioco ci fossero posti di lavoro - si legge in una firmata dal presidente uscente Enrico Rossi e da quello in attesa di proclazione Eugenio Giani - Lo faremo a difesa del pluralismo dell’informazione e di una testata storica come è per la Toscana quella del Tirreno”. 

I dipendenti de Il Tirreno hanno consegnato al comitato di redazione, l’organo di rappresentanza sindacale interno, un pacchetto di altri atri dieci giorni di sciopero.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Imprese & Professioni