Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE14°27°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 13 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Neymar distratto dal telefono gioca a poker durante la festa di compleanno della figlia

Attualità lunedì 27 novembre 2023 ore 15:00

Pioggia di euro ai Comuni toscani per curare le pinete

Ecco un bando per la messa in sicurezza. Obiettivi: limitare il rischio incendi, contrastare il dissesto idrogeologico e tutelare il paesaggio



TOSCANA — Per tutelare e curare le pinete di pino domestico ecco un bando: lo ha emesso la Giunta regionale per finanziare interventi selvicolturali, finalizzati ad aumentare la stabilità, a garantire il rinnovo, a diminuire il rischio di incendi o di altre calamità e favorire la tutela ambientale oltre alla gestione del paesaggio, la sicurezza e contrastare il dissesto idrogeologico.

Le risorse, messe a disposizione dal Masaf attraverso la Strategia Forestale Nazionale, ammontano a circa 900mila euro e sono destinate ai Comuni per interventi sulle superfici in loro proprietà o possesso.

Per ogni singolo progetto è prevista una copertura fino al 100% dei costi sostenuti per gli interventi ammissibili calcolati al netto del valore stimato, o ricavato dalla vendita, del materiale legnoso ottenuto durante l’esecuzione dell’intervento.

"Un bando importante - ha detto il presidente Eugenio Giani - che riguarda realtà che, destinate inizialmente a fini produttivi e ambientali, nel tempo hanno mutato la loro funzione, in seguito all’antropizzazione, accrescendo il loro valore paesaggistico e ambientale".

“Le pinete litoranee della Toscana - ha detto la vicepresidente e assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi - rappresentano un ecosistema di alto valore, caratterizzante del territorio toscano, la cui importanza è riconosciuta anche dal Piano di Indirizzo Territoriale che ne promuove la manutenzione e la gestione attiva per salvaguardarne le caratteristiche e la sua funzionalità. Spesso però le pinete litoranee toscane versano in condizioni non eccellenti, fino ad arrivare a situazioni di vero e proprio degrado, perché ormai invecchiate e non in grado di rinnovarsi naturalmente in modo sufficiente. Senza considerare che sono soggette ai danni provocati da vari patogeni, dell’inquinamento o del cambiamento climatico. Tutti questi elementi determinano anche situazioni di forte rischio per la pubblica incolumità a causa dell’elevata propensione agli incendi che le caratterizza e della forte antropizzazione di molte aree attorno alle quali sorgono. Per questo riteniamo prezioso questo bando e ci auguriamo che molti siano i Comuni che aderiscono”.

C’è tempo fino al 31 marzo 2024 per la presentazione dei progetti e delle relative domande di finanziamento.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno