Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 02 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Lukaku in lacrime dà un pugno alla panchina dopo l'eliminazione del Belgio

Attualità mercoledì 19 agosto 2015 ore 18:25

Costa divorata dal cemento, ma la Toscana resiste

Secondo un rapporto di Legambiente, il 56% del litorale italiano è stato deturpato dall'uomo. E la nuova legge Madia rischia di peggiorare le cose



FIRENZE — Tra le 13 regioni costiere prese in considerazione dal rapporto, cioè tutte tranne Sardegna e Sicilia, la Toscana è sul podio tra le più virtuose.

I numeri diffusi da Legambiente sono impressionati. Dal 2012 ad oggi l'associazione ha monitorato lo stato d'avanzamento del cemento lungo le coste italiane. Risultato: dei 3.902,4 km di litorale della penisola, ben 2.194,2 sono stati trasformati nel corso dei secoli da insediamenti umani. 
Quel che è più grave, però, è che dal 1985, anno dell'entrata in vigore della Legge Galasso sulla tutela dell'ambiente e del paesaggio siano andati persi 222 km di coste.

Con i suoi 410 km di litorale la Toscana è la terza regione d'Italia dopo Puglia e Calabria per affacci sul mare ma a differenza di queste ultime ha saputo tutelare meglio le sue coste: la punta e il tacco dello stivale hanno visto consumarsi rispettivamente il 65,5% e il 56,3% del loro litorale, il Granducato 'solo' il 43,6%.

Meglio sono riuscite a fare soltanto il Veneto e la Basilicata

Guardando al futuro, poi, la forbice a favore della Toscana potrebbe ampliarsi. La legge Madia che riforma la gestione della pubblica amministrazione ed è stata approvata a inizio agosto ha infatti previsto l'introduzione del meccanismo del silenzio assenso, che in questo caso potrebbe avere conseguenze devastanti, secondo Legambiente.
In sostanza, se le Soprintendenze preposte a tutelare i beni ambientali non dovessero riuscire a presentare le loro osservazioni rispetto a un progetto di urbanizzazione della costa entro 90 giorni, queste osservazioni decadranno e il progetto potrà procedere.

"Se molte minacce per il paesaggio costiero si sono realizzate all'interno di un quadro normativo che prevedeva piani regionali e vincoli di edificabilità, come quelli introdotti dalla Legge Galasso - ha spiegato il vice presidente di Legambiente Edoardo Zanchini -, è facile immaginare cosa potrà succedere in assenza di una riorganizzazione e di un rafforzamento degli uffici preposti alla gestione dei vincoli. Per questo occorre cambiare le regole di tutela".

E in questo senso la Toscana, unica regione insieme a Puglia e Sardegna, è al sicuro, avendo approvato una piano paesaggistico molto stringente proprio a difesa della cosa. O meglio, dei 231 km di litorale ancora liberi dal cemento. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo di 83 anni è deceduto ed uno di 44 anni è stato ricoverato in codice rosso, sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, personale del 118 e polizia stradale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Monitor Consiglio

Attualità