Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:19 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 29 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ministro Guido Crosetto canta Bella Ciao alla serata con Fiorello per il Bambino Gesù

Attualità domenica 16 aprile 2017 ore 08:50

​Una rete per curare i casi rari di tumore

Varato dalla giunta della Regione Toscana il nuovo 'Progetto integrato per l'oncologia'. A realizzarlo e gestirlo sarà l'Ispo



FIRENZE — La delibera è stata approvata dalla giunta regionale nel corso della sua ultima seduta. Il "Progetto regionale integrato per l'oncologia", messo a punto secondo precise indicazioni dell'ITT, l'Istituto Toscano Tumori sarà nel concreto realizzato dall'ISPO, l'Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica, che costituisce la struttura di riferimento per tutta la rete oncologica regionale per gli aspetti epidemiologici, di screening e di riabilitazione oncologica.

"Il sistema a rete definito da ITT - ha detto l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi - si è consolidato nel corso degli anni con la diffusione di un modello organizzativo comune e di procedure condivise, con importanti risultati in termini di offerta omogenea e di qualità verificata. Questo progetto regionale integrato per l'oncologia è un ulteriore passo avanti, perché istituisce reti oncologiche per patologia, che consentano di curare al meglio anche i casi oncologici rari e complessi".

"Per alcune patologie - ha poi aggiunto Gianni Amunni, direttore di ITT e ISPO - è opportuno concentrare la casistica, e quindi anche l'expertise di professonisti e l'innovazione tecnologica, in centri di riferimento verso cui indirizzare i casi. Per queste patologie, le evidenze scientifiche mostrano un rapporto favorevole volume/esiti. Mentre per alcuni tumori più frequenti come mammella e prostata le competenze sono diffuse tra i vari centri, per i tumori più rari e complessi come pancreas, surrene, esofago, tratto gastro-intestinale è opportuno che i casi siano indirizzati verso i centri di riferimento di alta competenza".

Queste le reti oncologiche per patologia già attive o in via di costituzione in Toscana: rete regionale delle Unità integrate per il tumore della mammella (Breast Units)- Rete regionale delle Unità integrate per il tumore maligno della prostata (Prostate Cancer Units). Rete delle Unità di competenza per i tumori rari/infrequenti e ad alta complessità: pancreas, surrene, esofago e GIST (Stromali gastro-intestinali- Rete delle Unità integrate per il melanoma e i tumori della cute (Melanoma & Skin Center Units). 

Sulla base dei dati del Registro Tumori, in Toscana si diagnosticano circa 25.000 nuovi casi di tumore all'anno. I pazienti affetti da tumore in Toscana sono stimati in oltre 180.000.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel capannone c'era marijuana per un profitto di un milione l'anno e 88 lampade alimentate con allaccio abusivo. La droga destinata al nord Europa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca