Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:03 METEO:FIRENZE18°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Kenya, scene di guerriglia urbana: i manifestanti prendono d'assalto gli edifici del Parlamento
Kenya, scene di guerriglia urbana: i manifestanti prendono d'assalto gli edifici del Parlamento

Attualità martedì 03 marzo 2020 ore 17:00

Coronavirus, porti Alto Tirreno sotto controllo

Il Comitato di Igiene e Sicurezza convocato dall'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale per evitare la diffusione del virus



PIOMBINO — I porti dell’Alto Tirreno sono sotto controllo. È questo il messaggio chiave che è emerso dal Comitato di Igiene e Sicurezza convocato dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale per far fronte all’emergenza Coronavirus.

Come comunicato in una nota, è stato l’Ufficio della Sanità Marittima, preposto ai controlli in mare dei casi sospetti, a certificare come nel contesto di riferimento i tecnici lavorino a pieno regime perché non ci sia alcuna possibilità di diffusione del contagio da mare a terra. Tutte le navi comunitarie ed extra-comunitarie sono infatti tenute a richiedere la libera pratica sanitaria all’USMAF prima di poter accedere nei porti. Le navi che provengano da scali portuali nazionali o che effettuino transiti nazionali non hanno lo stesso obbligo, ma devono comunque segnalare all’USMAF casi di sospetta malattia infettiva a bordo.

Durante la riunione è emersa poi la necessità di veicolare tutte le informazioni sul Coronavirus attraverso il sito web dell’Autorità di Sistema Portuale, in cui verrà aperta una sezione dedicata. L’Autorità di Sistema Portuale ha inoltre informato i presenti di aver sollecitato le imprese operanti in porto e, in particolare, i datori di lavoro ad aggiornare il documento di valutazione del rischio, adottando tutte le misure di prevenzione previste dalle circolari del Ministero dalla Salute. La Direzione sicurezza e ambiente dell’Ente convocherà presto le imprese che ancora non hanno risposto alle richieste. Da parte dell’associazione di Spedimar è infine stato rivolto al Ministero delle Infrastrutture l’appello a chiarire una volta per tutte che le merci non sono contagiose


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno