Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:36 METEO:FIRENZE19°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, caos dopo il derby: Mourinho furioso lascia la conferenza stampa

Attualità venerdì 02 luglio 2021 ore 19:30

La variante Delta nel 7% dei nuovi positivi in Toscana

Lo rileva una nuova indagine dell'Iss e del Ministero della salute. In Italia è ancora prevalente la variante Alfa del Covid ma la Delta è al 22,7%



ROMA — In Italia il 22 Giugno scorso la variante Alfa del virus SarsCov2 (nuovo nome della variante inglese) ha infettato il 57,8% dei nuovi casi positivi, in netto calo rispetto all'88,1% di un mese prima. Sempre il 22 Giugno a livello nazionale, la nuova variante Delta (nuovo nome di quella indiana) aveva raggiunto una prevalenza del 22,7% mentre la variante Gamma (nuovo nome della brasiliana) è stata riscontrata nell'11,8% dei nuovi positivi e quella Eta (ex variante nigeriana) solo nello 0,2%.

Questi dati fanno parte della nuova indagine rapida condotta su 772 campioni di virus dall'Istituto superiore di sanità e dal Ministero della salute in collaborazione con 133 laboratori regionali (3 sono in Toscana) e la Fondazione Kessler e integra il monitoraggio effettuato quotidianamente dai servizi sanitari. Quindi non contiene i casi di tutte le varianti in circolazione ma quelle relative alla giornata presa in considerazione. E' per questo che non viene citata la variante Kappa, un sottotipo di quella inglese, di cui sono stati segnalati alcuni casi ma non nel giorno preso in esame per l'indagine.

Per quanto riguarda la Toscana, il 22 Giugno la variante Alfa aveva infettato il 53,5% dei nuovi positivi, la Gamma il 32,6%, la Delta il 7% (3 su 43 campioni sequenziati), la Eta il 2,3%.

La variante Delta a livello italiano è stata identificata oltre che in Toscana in altre 15 regioni: Friuli Venezia Giulia (prevalenza al 70% nell'indagine Iss), Sardegna (66,7%), Provincia autonoma di Bolzano (60%), Abruzzo (56,3%), Marche (44,4%), Lombardia (38,1%), Lazio (34,9), Liguria (33,3%), Calabria (30%), Campania (29,5%), Emilia Romagna (23,2%), Puglia (16,2%), Piemonte (5%), Sicilia (2,9%).

"La crescita della prevalenza della variante Delta è un dato atteso che deve essere monitorato con grande attenzione - ha spiegato il presidente dell'iss Silvio Brusaferro - E' fondamentale continuare il tracciamento sistematico dei casi di infezione per individuare i focolai e completare il più velocemente possibile il ciclo vaccinale dal momento che, come confermato ieri anche dall'Ema, questo garantisce la migliore protezione".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gravi danni in Toscana per il maltempo. Alberi sradicati, strade allagate, auto distrutte. Evacuate 3 famiglie per il crollo di un ponteggio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Attualità