Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:15 METEO:FIRENZE16°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 23 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Nuove immagini: Putin entusiasta del regalo di Kim Jong-un (due cani bianchi come la neve)
Nuove immagini: Putin entusiasta del regalo di Kim Jong-un (due cani bianchi come la neve)

Attualità martedì 28 aprile 2015 ore 12:42

Anci fa i conti con la spending review

Servizio di Tommaso Tafi

L'associazione regionale dei comuni ha approvato il bilancio preventivo 2015: meno spese e si pensa alla fusione con Upi, Legautonomie e Uncem Toscana



FIRENZE — Sobrietà. E' questa la parola d'ordine lanciata dalla presidente dell'Anci Toscana, il sindaco di Sesto Fiorentino Sara Biagiotti,  alla'apertura dei lavori dell'Assemblea dei comuni toscani.

"Anche Anci - ha detto Biagiotti - deve fare la sua parte". Ecco allora che il bilancio previsionale per il 2015, approvato con la sola astensione di due sindaci, prevede per il prossimo anno una razionalizzazione delle spese sia per l'attività dell'associazione che per il personale. Con la nuova gestione, infatti, la macchina di Anci Toscana è stata snellita, ma i 10 lavoratori rimasti sono stati regolarizzati, anche grazie al Jobs Act. Anci sta anche lavorando per trovare una nuova sede, visto che quella attuale è molto cara, e in questo senso le trattative con il Comune di Firenze per individuare una struttura adeguata sono in corso.

Ma la spending review che ha in mente la presidente di Anci non è solo contabile, ma politica. Da un lato l'associazione dei comuni punta a fondersi con Upi, l'Unione delle province toscane, e con Legautonomie. Queste due realtà sono pronte a "farsi assorbire da Anci", mentre Uncem, l'Unione dei comuni montani, deve ancora deliberare questo passaggio a livello nazionale.

L'altra spending review interessa la riforma delle Province. Anci Toscana ha concluso la ricognizione in tutte le Province per ragionare del passaggio delle funzioni che non sono state trasferite alle Regioni (sport, turismo, foreste). "La legge c'è - ha detto Biagiotti - ma noi vorremmo che queste funzioni venissero gestite dai Comuni in forma associata perchè questo è l'unico modo per garantire i servizi al netto della riduzione delle risorse".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno