Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:45 METEO:FIRENZE15°28°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Motoscafo si infila nel porto di Monte Carlo a tutta velocità, manca due passanti per un soffio

Attualità venerdì 17 marzo 2023 ore 18:45

Giovane colpito da meningite, scatta la profilassi

Una indagine epidemiologica è stata avviata in seguito ad un caso sospetto rilevato nell'Aretino, si trattadi un giovane ricoverato al San Donato



AREZZO — Caso di meningite in Valdarno dove un giovane di 19 anni ricoverato al San Donato di Arezzo, dove si trova in condizioni stabili. Il sospetto è che si tratti di meningite meningococcica ma non sarebbe stato possibile individuare il batterio.

Il Servizio Igiene e Sanità Pubblica ha avviato l’indagine epidemiologica per l’individuazione dei contatti che sono stati invitati a recarsi presso il proprio medico curante per avviare in via precauzionale la profilassi antibiotica.

"Il tipo di batterio che ha causato la meningite non è stato identificato - ha spiegato Elena De Sanctis, direttore Igiene e Sanità pubblica Area Est - perché il ragazzo, di 19 anni studente dell’Istituto Isis Valdarno, è subito stato trattato con terapia antibiotica dopo essersi presentato in pronto soccorso con i sintomi di forte cefalea. Inizio dei sintomi il 13 marzo e ultimo giorno di scuola il giorno 15 Marzo. La tempestiva somministrazione di antibiotici ha migliorato subito la situazione clinica del ragazzo ma ha impedito di chiarire con assoluta certezza il tipo e il ceppo di appartenenza del batterio responsabile. Con il sospetto, tuttavia che si tratti di meningite meningococcica - è l’invito della De Sanctis - è opportuno che le persone che abbiano avuto un contatto stretto con il giovane si sottopongano a profilassi con specifici antibiotici. I contatti familiari e gli studenti sono già stati chiamati dal servizio di Igiene, in tutto circa 100 persone".

L’indagine effettuata dalla Asl Toscana Sudest ha permesso di risalire ai luoghi frequentati dal ragazzo nei giorni precedenti l’esordio dei sintomi. 

"Il ragazzo ha frequentato una discoteca di Terranuova Bracciolini fra sabato 11 e domenica 12 Marzo dalla mezzanotte alle 03.00 circa. Ha inoltre frequentato una palestra: i frequentatori sono già stati contattati dal Servizio di Igiene Pubblica della Zona Valdarno per la profilassi antibiotica. Si ricorda che la profilassi dovrà essere eseguita anche se è gia stata effettuata la vaccinazione antimeningococcica - conclude De Sanctis -. Non è necessaria la chiusura degli ambienti frequentati dal malato né la disinfezione. Le persone vicine ai contatti stretti del malato non sono da considerare a rischio".

I sintomi possono manifestarsi da due a dieci giorni dal contatto

In particolare, per la forma più grave, irrigidimento della parte posteriore del collo, febbre alta, mal di testa, vomito o nausea, alterazione del livello di coscienza, convulsioni, rash cutaneo di tipo emorragico.

In caso di necessità occorre rivolgersi al proprio medico curante o al Servizio di Igiene Pubblica della ASL per tutte le indicazioni necessarie.

Cosa è la meningite

La meningite è un’infiammazione delle membrane che avvolgono il sistema nervoso centrale (le meningi) causata da batteri, da virus, da funghi e da altri agenti patogeni. Le più aggressive sono le forme batteriche provocate da vari sierogruppi di Neisseria Meningitidis.

Esistono 13 sierogruppi di meningococco, di cui 5 (A, B, C, Y, W135) sono responsabili della malattia meningococcica invasiva. Tra questi, i principali responsabili della malattia meningococcica in Italia sono i sierogruppi B e C.
In caso di infezione batterica, occorre somministrare la profilassi antibiotica ai contatti stretti intendendo con questa definizione coloro che nei 7 giorni precedenti alla manifestazione dei sintomi abbiano condiviso l’abitazione o un ambiente di studio (la stessa classe), di lavoro (la stessa stanza) o lo stesso mezzo di trasporto per viaggi di almeno 8 ore, abbiano dormito nella stessa casa o mangiato allo stesso tavolo del malato, abbiano avuto contatti con la sua saliva (attraverso baci, stoviglie, spazzolini da denti, giocattoli) o abbiano avuto contatti ravvicinati, siano stati direttamente esposti alle secrezioni respiratorie del paziente (per esempio durante manovre di intubazione o respirazione bocca a bocca).

La vaccinazione

I contatti stretti non ancora vaccinati è opportuno che, oltre alla profilassi antibiotica, si sottopongano anche alla vaccinazione. Profilassi e vaccinazione da effettuare il prima possibile dal contatto. La vaccinazione è indicata quando si è in presenza di meningite meningococcica. La vaccinazione contro il meningococco C, oltreché per i contatti di un caso, è fortemente raccomandata e offerta gratuitamente a tutti i bambini e ragazzi fino al compimento dei 20 anni oltre che ai soggetti a rischio per patologia. Per i nati dal 2014 è offerta anche la vaccinazione contro il meningococco B, altro pericoloso batterio causa di meningiti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno