Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:36 METEO:FIRENZE15°32°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 23 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Chi non salta nerazzurro è...», Berlusconi affacciato in piazza Duomo salta con i tifosi

Attualità venerdì 24 dicembre 2021 ore 18:12

Caro energia, aziende toscane a rischio chiusura

Il governatore Giani ha scritto una lettera al ministro Giorgetti per sollecitare un intervento del governo: "Si rischia di compromettere la ripresa"



TOSCANA — Il governatore Eugenio Giani ha scritto al ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti per esplicitare le preoccupazioni segnalate dalle aziende vetrarie del settore arredo-tavola della Toscana, duramente colpite dai rincari del prezzo delle materie prime ed in particolare dei costi di metano ed energia elettrica.

La situazione del comparto vetrario - 600 addetti sul territorio regionale - è emblematica di un problema che riguarda tutte le imprese energivore. Il caro energia - in particolare quello del gas - innescato da tensioni geopolitiche internazionali, sta producendo effetti negativi non solo su altri settori industriali come il cartario, la chimica, la siderurgia ma anche su attività molto diverse come, ad esempio, gli impianti sportivi al chiuso, come le piscine. C'è il rischio reale che venga compromessa l'intera ripresa economica post pandemia.

"La situazione è drammatica - ha scritto Giani a Giorgetti - Alcune aziende sono già di fronte alla scelta di dover spegnere i forni e mandare in cassa integrazione i propri dipendenti, con alte probabilità di non poter ripartire. Altre non sono neanche in condizione di spegnere temporaneamente i forni se non al prezzo di danneggiarli irrimediabilmente. Le stesse aziende, peraltro, avevano già iniziato da tempo ad affrontare le sfide della transizione ecologica, con cicli di produzione a emissioni zero, ma tale situazione rischia purtroppo di bloccarne anche questa evoluzione, ritornando così a produzioni più inquinanti. Sappiamo che questi aumenti non coinvolgono solo il nostro Paese, ma altrove, penso a Germania e Francia, lo Stato sta già intervenendo a sostegno del settore, in previsione di un assestamento su questi livelli di costi almeno per tutto il primo semestre del 2022".

Il presidente toscano invita quindi il governo ad intervenire: "Non solo per la Toscana ma anche per altre realtà regionali, nelle quali sono presenti lavorazioni storiche che si trovano di fronte allo stesso scenario: chiusura e/o delocalizzazione".

La Commissione Europea, ha recentemente approvato la nuova disciplina in materia di aiuti di Stato a favore del clima, dell'ambiente e dell'energia, cheprevede la possibilità, per gli Stati membri, di concedere sgravi alle industrie energivore esposte alla concorrenza extra-Ue". Anche per questo motivo Giani ritiene doveroso aprire una discussione in sede di Conferenza Stato-Regioni e un confronto tra Governo e aziende.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A dare l'allarme è stato un signore che, di prima mattina, era a passeggio col cane sulla spiaggia. Sul posto 118, Guardia costiera e polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca