Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:58 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Attualità martedì 21 aprile 2020 ore 19:56

Covid, pericoloso traffico di farmaci on line

L'allarme è dell'Istituto Superiore di Sanità: "Un mercato illegale sta sfruttando l'emergenza sanitaria per lucrare". I farmaci più venduti



ROMA — La sperimentazione di farmaci anti Covid-19 viene attualmente effettuata sotto stretto monitoraggio medico e, perlopiù, in ambito ospedaliero. Nessuno spazio, dunque, a terapie fai-da-te basate sull’autoprescrizione di antivirali o antibiotici o di altri farmaci per i quali è obbligatoria la prescrizione medica. Quelli pubblicizzati online potrebbero essere falsificati e, perciò, inefficaci o pericolosi per la salute. 

Ad affermarlo è  un gruppo di ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità che ha condotto un monitoraggio sul web dei siti che propongono la vendita online di medicinali per il trattamento e la cura della Covid-19, scoprendo il proliferare di farmacie illegali che, fraudolentemente, ad opera perlopiù di gruppi della criminalità organizzata, propongono ad ignari e malinformati cittadini rimedi per la prevenzione e la cura dell'infezione provocato Ata dal Nuovo coronavirus SarsCov2.

Lo studio ha anche monitorato i social media (Facebook, Whatsapp, Twitter) e alcuni video su YouTube e ha scoperto numerose notizie e informazioni pseudo scientifiche con tanto di falsi riferimenti a istituzioni ed enti di ricerca.

I FARMACI PIU' RICHIESTI

Arbidol, Kaletra, clorochina e idrossiclorochina sono i farmaci più propagandati per la cura del Covid-19.

Digitando sia il nome commerciale del farmaco che il suo principio attivo, i ricercatori hanno scoperto che l’Arbidol (umifenovir), un antinfluenzale la cui efficacia contro la Covid non è dimostrata, prodotto e approvato in Russia ma non dalla FDA né dall’EMA, viene venduto in vari dosaggi ad un costo variabile che raggiunge i 40 euro, da 10 farmacie extraterritoriali senza necessità di ricetta medica. 

Il Kaletra (lopinavir/ritonavir), un farmaco ospedaliero utilizzato per il trattamento dell’HIV che necessita di ricetta non ripetibile, viene spacciato come anti Covide venduto su più di 20 siti, il 60% dei quali non chiede la ricetta medica, altri la chiedono ma offrono, con un sovraprezzo, la possibilità di ottenerla online.

La clorochina, un antimalarico che può richiedere solo dietro prescrizione medica chi si reca in zone a rischio malaria, usato nella sperimentazione contro il SarsCov2, viene anch’esso venduto online come rimedio certo anti Covid. Così pure l’ idrossiclorochina viene venduta illegalmente su un sito che reclamizza contro il Covid, con tanto di guida ai dosaggi, anche la clorochina, l’oseltamivir, il ribavinir, l’indometacina, il lopinavir/ritonavir.

Arsenicum album, Gelsemium, Bryonia alba sono invece i nomi di rimedi ayurvedici e oli essenziali per aromaterapia spacciati per rimedi per la cura o la prevenzione della Covid-19 ma quel che più colpisce e desta allarme in questi siti è la tendenza a minimizzare la pandemia con frasi del tipo “il coronavirus non è più pericoloso degli usuali virus influenzali”.

Gli studiosi sono riusciti anche ad individuare i Paesi in cui risiede fisicamente il server di alcuni di questi siti web: Usa, Russia, Regno Unito, Germania, Olanda, Singapore, Giappone.

ATTENZIONE AI SOCIAL NETWORK

Registrazioni audio e video di sedicenti esperti che neanche dicono il loro nome o la loro qualifica professionale ma che parlano di coronavirus e distribuiscono consigli e raccomandazioni (quali l'assunzione di vitamina C e D, come di tisane calde per sconfiggere il virus o addirittura il consumo di cannabis per immunizzarsi) e tabelle di classificazione dei sintomi attribuite alla Croce Rossa Italiana (che ha smentito) per distinguere quelli da Covid da quelli dell’influenza stagionale. Sono solo alcuni esempi di messaggi che circolano sui social come sul web e che fanno leva sui bisogni e i desideri più vicini alle persone. Il consiglio è sempre lo stesso: fidarsi solo dei siti istituzionali e delle fonti ufficiali: Ministero della Salute, ISS, AIFA, OMS.

FARMACIE ON LINE, COME ACQUISTARE IN SICUREZZA

Le farmacie autorizzate dal Ministero della Salute a vendere farmaci online sono tenute a rispettare scrupolosamente la normativa italiana in materia (DL.vo 19 febbraio 2014, n. 17): non possono vendere farmaci che necessitano di ricetta medica, devono avere una sede fisica e in ogni pagina web dedicata alla vendita online deve comparire il “logo comune”, un logo cioè condiviso da tutti i membri dell’Unione Europea, ma che in ogni singolo Paese riporta la bandiera nazionale. Cliccando sul “logo comune” si deve aprire la pagina del Ministero della Salute che riporta i dati della farmacia autorizzata. Sul sito del Ministero della Salute poi è riportato l’elenco delle farmacie e degli esercizi commerciali autorizzati per la vendita online.

RISCHIO CLONAZIONE DELLE CARTE DI CREDITO

Il rischio, infine, di acquistare via web da farmacie non autorizzate è anche economico. Infatti, le carte di credito utilizzate vengono spesso clonate e impiegate senza scrupoli per altri acquisti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il violento impatto ha coinvolto un'auto e un furgoncino. Due tra i feriti sono in condizioni più serie. Altri incidenti a Sinalunga e a Lucca
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Toscani in TV

Cronaca

Attualità