Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:05 METEO:FIRENZE19°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 19 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La corsa dei russi in moto per evitare le bombe ucraine
La corsa dei russi in moto per evitare le bombe ucraine

Cronaca venerdì 02 dicembre 2016 ore 16:00

La baby gang che terrorizzava la scuola

Tre ragazzini di 16 e 17 anni hanno vessato per mesi una decina di compagni. Il tribunale dei minori li ha messi ai domiciliari



SAN MINIATO — Atti bullismo per mesi, fatti di violenze fisiche e psicologiche ai danni di una decina di compagni di scuola. Questo è ciò che avrebbero fatto tre ragazzi di 15 e 16 anni residenti a San Miniato ma di origini marocchine, studenti di un'istituto superiore di primo grado del comprensorio del Cuoio.

Nei loro confronti i carabinieri della locale Compagnia hanno eseguito la misura cautelare della permanenza in casa, disposta dal tribunale dei minori di Firenze. I tre avranno il permesso di allontanarsi dalle loro abitazioni solo per frequentare le lezioni a scuola.

Gli episodi di bullismo, secondo quanto ricostruito dai militari, sono stati sette, compiuto fin dalla primavera scorsa, ai danni di dieci coetanei. In particolare, le due coppie di fratelli finite nel mirino degli inquirenti si sarebbero rese protagoniste di ripetuti episodi di violenza fisica e psicologica, in un caso estorcendo anche pochi soldi a una delle vittime e in un altro rubando un orologio poi ritrovato a casa di uno dei ragazzi indagati. Le condotte, secondo gli investigatori, sarebbero state messe in atto neo pressi della scuola per affermare una sorta di leadership nei confronti delle vittime. Le indagini sono scattate bei mesi scorsi in seguito alle denunce dei familiari dei ragazzini vessati.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno