Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:00 METEO:FIRENZE12°19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Attualità martedì 27 settembre 2016 ore 10:16

Cinque milioni e mezzo per il cinema in Toscana

Siglato in Regione un piano triennale di investimenti pubblici nel settore audiovisivo. I primi eventi sono già programmati a Firenze, Prato e Pisa



FIRENZE — Si chiama 'Sensi contemporanei Toscana per il Cinema' il programma sperimentale di investimenti pubblici in Toscana dedicati al settore cinematografico ed audiovisivo. L'accordo quadro del programma è stato siglato a Firenze nella sede della Regione Toscana. A siglare l'accordo, tra gli altri, il vicepresidente della Regione, con delega alla cultura, Monica Barni, il direttore generale della direzione cinema del Mibact Nicola Borrelli, e il direttore Area progetti e strumenti dell'Agenzia per la coesione territoriale Alberto Versace. Presenti anche il vicesindaco di Firenze Cristina Giachi e rappresentanti dei Comuni di Pisa e Prato.

Il piano prevede che gli investimenti nel settore audiovisivo servano a promuovere cultura, creare opportunità di crescita e nuova occupazione, avviare e sostenere le piccole e medie imprese, oltre che a sperimentare nuove forme di sviluppo territoriale e vede come strumento operativo la Fondazione Sistema Toscana. Nel complesso l'investimento statale sul programma in Toscana è di 13,750 milioni dei quali 5,520 nel triennio in corso.

"Investire in cultura, ed in particolare nel settore cinematografico ed audiovisivo, è un modo per scommettere sul futuro, sulla creatività dei giovani, sulla crescita dei territori - ha detto in una nota il presidente della Regione Enrico Rossi salutando l'intesa raggiunta - grazie a questa importante collaborazione con i ministeri puntiamo a far crescere il nostro cinema di qualità e la sperimentazione di nuovi linguaggi, e a sostenere la produzione audiovisive, con la creazione di nuove imprese e posti di lavoro nel settore culturale". 

Sei le linee di intervento previste dal programma in Toscana. "Si parte dalla prossima apertura del rinnovato Teatro della Compagnia a Firenze - ha ricordato Barni - che diventa la Casa del cinema e del documentario, terza esperienza nel mondo di questo tipo dopo Parigi e Toronto. Il teatro sarà aperto 340 giorni all'anno, sarà sede di rassegne internazionali importanti a partire dalla 50 giorni di cinema internazionale, ma anche di tanti altri eventi". "A Firenze celebreremo insieme al Comune anche i 50 anni dall'alluvione; mentre a Prato e a Pisa, in una sorta di rispetto dei genius loci votati al manifatturiero e alla ricerca, apriremo le porte di Manifatture Digitali, autentiche fucine di mestieri per il futuro del cinema e delle tecnologie ad esso legate, ma non solo".

MONICA BARNI SU 'SENSI CONTEMPORANEI TOSCANA PER IL CINEMA' - dichiarazione
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gravissimo incidente la notte scorsa, un ragazzo ha subito l'amputazione di entrambe le gambe. È ricoverato in prognosi riservata
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Franco Bonciani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità