Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:25 METEO:FIRENZE19°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, caos dopo il derby: Mourinho furioso lascia la conferenza stampa

Attualità giovedì 22 aprile 2021 ore 15:00

La Costituzione entra nelle scuole toscane

Firmato il protocollo in Regione, l'obiettivo è farla conoscere meglio agli studenti e per approfondire i valori e gli ideali che esprime



FIRENZE — A lezione di Costituzione sui banchi di scuola, per conoscerla meglio e approfondirne i valori che esprime, dagli ideali di democrazia, libertà e solidarietà alle pari opportunità, l’inclusione sociale e il pluralismo culturale. 

La firma del protocollo, non a caso e con un valore simbolico, è arrivata a ridosso del 25 Aprile, festa nazionale della liberazione dal nazifascismo.

La Regione Toscana ha promosso e sottoscritto l’intesa con l’Ufficio scolastico regionale, l’Associazione nazionale partigiani d'Italia (Anpi), l’Università degli studi di Firenze, Pisa e Siena, l’Università per stranieri di Siena, la Normale e il Sant'Anna di Pisa, la Scuola Imt alti studi di Lucca, il Parco nazionale della pace di Sant’Anna di Stazzema, l’Istituto storico toscano e la rete provinciale degli Istituti storici toscani della Resistenza e dell’età contemporanea, la Domus Mazziniana, la Fondazione museo della deportazione e Resistenza di Prato e l’Anci e Upi Toscana in rappresentanza di Comuni e Province.

"La nostra Costituzione è un breviario giuridico per il cittadino - ha sottolineato il presidente della Toscana, Eugenio Giani - E il cittadino, ogni cittadino, nessuno escluso, è il protagonista della Carta che a me pare ancora fresca, giovanile, almeno nei principi fondamentali, cioè nella prima parte. Gli studenti sono giovani cittadini: quindi ben venga questa importante occasione". "La Costituzione - aggiunge - ha una genesi in quel che accadde 76 anni il 25 aprile 1945 (fine e liberazione dal nazifascismo ndr) e noi vogliamo trasmettere alle nuove generazioni il senso della memoria e quei valori, attualizzandoli, su cui la Carta si fonda e con cui l'Italia si affrancò dal precedente periodo".

“Sono davvero orgogliosa di questo protocollo - ha commentato Alessandra Nardini, assessora toscana all’istruzione, università e memoria - e voglio ringraziare profondamente i moltissimi soggetti che in questi mesi hanno lavorato con la Regione alla sua preparazione e che lo hanno sottoscritto e che, per quantità e qualità, rendono ancora più significativa questa iniziativa. Per difendere e attuare pienamente i valori cardine della nostra Costituzione e gli ideali di libertà, democrazia, solidarietà, pari opportunità, inclusione sociale, pluralismo culturale e rispetto di ogni essere umano in essa contenuti, è fondamentale un’opera ininterrotta di promozione e di conoscenza di questo inestimabile patrimonio civile, a partire dai luoghi in cui costruiamo e proteggiamo il futuro della nostra società: le scuole. Per questo, al centro del protocollo, vi è il coinvolgimento delle studentesse e degli studenti, dei nostri giovani, in percorsi di studio, di riflessione e di approfondimento dei valori costituzionali”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gravi danni in Toscana per il maltempo. Alberi sradicati, strade allagate, auto distrutte. Evacuate 3 famiglie per il crollo di un ponteggio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca