Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE22°34°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 11 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni si rivolge alla stampa estera in tre lingue: «No a svolta autoritaria, noi siamo democratici»

Attualità lunedì 11 maggio 2020 ore 10:00

I Centri Fitness chiedono aiuto alla Regione

La delegazione toscana dell'Anif chiedono di istituzionalizzare i voucher di ristoro, la moratoria delle utenze, contributi e sgravi fiscali



FIRENZE — Settanta operartori del fitness che lavorano in Toscana hanno aderito alla delegazione locale dell'Anif (Associazione Nazionale Impianti Sport & Fitness, Palestre,  Piscine, Campi Sportivi) e ora chiedono aiuto alle istituzioni per salvare un settore che conta oltre 700 realtà, in crisi profonda a seguito delle restrizioni per l'epidemia di Covid.

“Sono oltre 400.000 i cittadini toscani che, quotidianamente, grazie alle nostre attività si prendono cura della loro salute - si legge in una nota di Mauro Cinti, aonsigliere della delegazione toscana Anif - Oltre 35.000 i bambini che frequentano i nostri corsi. Complessivamente parliamo di quasi 11.000 posti di lavoro, senza dimenticare un indotto importante legato agli ingenti investimenti in innovazione, tecnologie, edilizia e arredi. Se a questo, aggiungiamo tutti gli altri impianti sportivi, le cifre indicate salgono a più di 5.000 strutture ed oltre 45.000 addetti”.

Questo il pacchetto di richieste che l'Anif ha presentato all’assessore regionale allo sport Stefania Saccardi.

1) Istituzionalizzare e normare, come già previsto ad esempio per il settore turistico, i cosiddetti“voucher” a titolo di ristoro del periodo non goduto delle quote di frequenza attività (abbonamenti) da parte dei nostri iscritti/utenti

2) Defiscalizzazione e moratoria delle utenze-utilities

3) Contributi e/o sgravi fiscali per i canoni di locazione dei nostri impianti ( sia privati che pubblici)

4) Contributi a fondo perduto per adeguamento impianti-mantenimento delle risorse umane-investimenti in tecnologia e digitalizzazione;

5) Riconoscimento della pratica sportiva come prevenzione di carattere medico-sanitaria: istituzione Palestra della Salute

6) Istituire immediatamente un tavolo permanente in Regione sul futuro dello sport di base

“Tutti gli impianti necessitano di risposte chiare e precise, in tempi rapidi, di protocolli certi e rapidi - haconcluso Anif - Il settore non è in grado di attendere oltre. Ulteriori rinvii e mancanza di certezze, oltre che incidere pesantemente sulla salvaguardia delle aziende e delle decine di migliaia di posti di lavoro, si tradurrebbero in conseguenze molto pesanti per il benessere psicofisico di centinaia di migliaia di cittadini toscani”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il violento impatto con lo scooter non ha lasciato scampo né all'uomo né al quattro zampe. Gravissimo il 19enne alla guida del motorino
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità