Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:55 METEO:FIRENZE10°20°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Beppe Sala, le minacce la pazienza e l'incoscienza

QUI ambiente lunedì 05 luglio 2021 ore 08:00


​I rifiuti speciali in Toscana dal 2014 al 2019

10 milioni di tonnellate di rifiuti speciali, di cui meno di 500mila “pericolosi” prodotti nel 2019, rispetto a 1.600.000 di rifiuti urbani.



FIRENZE — ISPRA ha presentato il proprio consueto rapporto sui rifiuti speciali con i dati aggiornati al 2019, rendendoli al contempo disponibili in formato aperto sul sito https://www.catasto-rifiuti.isprambiente.it/.

In Toscana nel 2019 sono stati prodotti 10 milioni di tonnellate di rifiuti speciali (di cui meno di 500mila di rifiuti speciali pericolosi) rispetto – nello stesso periodo - alla produzione di 1.600.000 tonnellate di rifiuti urbani. Se consideriamo che il dibattito pubblico sul tema rifiuti è quasi esclusivamente concentrato sul tema dello smaltimento dei rifiuti urbani, viene da chiedersi come mai questa scarsa attenzione a questa altra dimensione, che è di sei volte più grande dell'altra.

Fra il 2014 e il 2019 in Toscana la produzione di rifiuti speciali è sostanzialmente stabile, a differenza di quanto avvenuto a livello nazionale, dove si è registrato un incremento di quasi il 20%, da 129 milioni di tonnellate a 154. Rispetto alle altre regioni, per la produzione di rifiuti speciali, la Toscana si colloca dietro le regioni industriali del nord (Lombardia, Vento, Emilia-Romagna e Piemonte), ma anche dopo Puglia e Lazio.

Esaminando i dati relativi ai rifiuti speciali non pericolosi prodotti in maggior quantità (maggiore di 250mila tonnellate) vediamo che la "parte del leone" è costituita dai "Rifiuti delle attività di costruzione e demolizione (compreso il terreno proveniente da siti contaminati)" che da soli sono (nel 2019) sono oltre 4 milioni di tonnellate, quasi la metà (circa il 44%) del totale dei rifiuti speciali non pericolosi. Seguito a distanza dai "Rifiuti prodotti da impianti di gestione dei rifiuti, impianti di trattamento delle acque reflue fuori sito, nonché dalla potabilizzazione dell'acqua e dalla sua preparazione per uso industriale" con il 33% e poco più di 3 milioni di tonnellate. Tutte le altre tipologie sono sotto il 5%.

Per quanto riguarda invece i rifiuti speciali pericolosi, esaminando la situazione per quelli con una produzione maggiore di 25mila tonnellate, vediamo che il maggior quantitativo, quasi 150mila, è relativo ai " Rifiuti prodotti da impianti di gestione dei rifiuti, impianti di trattamento delle acque reflue fuori sito, nonché dalla potabilizzazione dell'acqua e dalla sua preparazione per uso industriale", che costituiscono quasi un terzo del totale dei rifiuti pericolosi.

Vedi anche https://ambientenonsolo.com

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il ragazzo e la ragazza erano appartati in auto nella zona delle Cascine. L'aggressore ha 25 anni ed è accusato di tentato omicidio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità