Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:00 METEO:FIRENZE12°19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Attualità mercoledì 01 aprile 2020 ore 19:00

Il covid-19 corre col freddo e detesta il caldo

il coronavirus

Lo dimostra uno studio dell'Università statale di Milano: il contagio si diffonde molto più rapidamente se la temperatura è bassa e il clima asciutto



FIRENZE — Il contagio di covid-19 rallenta nei climi caldi e umidi mentre accellera in quelli freddi e asciutti, con temperature intorno ai cinque gradi centigradi. Lo dimostra uno studio condotto dall'Università statale di Milano sul data base della John Hopkins University, in cui sono riversati i casi giornalieri di Covid-19 registrati nel mondo.

Calcolando il tasso di crescita del contagio in cento nazioni diverse nei primi giorni dell'epidemia, quindi prima che entrino in gioco interventi di contenimento varati dai governi, e associando questo dato alla temperatura e all'umidità media di quei Paesi, emerge che il covid-19 si diffonde molto più rapidamente nei climi freddi e con umidità medio-bassa mentre nei climi molto caldi e umidi rallenta vistosamente. Un risultato che potrebbe essere confortante per l'Italia e altri Paesi europei in vista dell'arrivo dell'estate ma risulta estremamente allarmante per altre regioni del mondo a clima tropicale. E comunque nessun Paese del globo risulta immune dal contagio.

Un'altra caratteristica del Covid-19 è un numero elevatissimo di asintomatici, ovvero persone che sono state infettate ma non manifestano alcun sintomo. 

In un altro studio statistico condotto dall'Imperial College di Londra su come è cambiato il tasso di diffusione del virus prima e dopo le misure di contenimento, si stima che, asintomatici compresi, in Italia il covid potrebbe aver colpito il 9,8 per cento della popolazione complessiva, corrispondente a 5,9 milioni di positivi. Un numero che sembra impressionante (e che altri studiosi italiani contestano) che però abbasserebbe moltissimo il dato relativo alla letalità del virus in Italia, finora calcolato solo sulle persone risultate positive al tampone e molto più alto di quello della Cina e degli altri Paesi.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gravissimo incidente la notte scorsa, un ragazzo ha subito l'amputazione di entrambe le gambe. È ricoverato in prognosi riservata
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Franco Bonciani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità