Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:50 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 20 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità sabato 27 febbraio 2021 ore 20:05

Focolai e varianti Covid, le scuole chiudono

Aumentano in Toscana i casi positivi collegati alle scuole e i sindaci sono costretti a chiuderle. L'allarme del Cts: "Impatto Covid sulle scuole"



FIRENZE — In Toscana sono molti i sindaci che in accordo con i dirigenti scolastici hanno deciso per la chiusura delle scuole, in alcuni casi di ogni ordine e grado, per la diffusione del virus e soprattutto delle varianti del Covid, come quella inglese o brasiliana. La ripresa dei focolai di Covid in molte zone della Toscana è partita proprio in ambito scolastico, come a Monteroni d'Arbia, nel senese, o in altre località.

Dal 4 Gennaio al 21 Febbraio, secondo gli ultimi dati pubblicati dalla Regione Toscana, sono stati oltre tremila gli studenti risultati positivi al coronavirus, per la precisione 3.705.

Il nuovo ministro dell'istruzione Patrizio Bianchi ha sempre detto di puntare sulla riapertura di tutte le scuole ma oggi il Cts frena, precisando che c'è un impatto dei nuovi contagi sulle scuole ma differenziato e per il Comitato tecnico scientifico "sarebbe auspicabile una modulazione delle misure a seconda delle zone, variabile in base a Comuni o Province e non soltanto su base regionale".

Ma vediamo nelle ultime ore dove sono state chiuse le scuole sul territorio regionale.

A Follonica il sindaco Andrea Benini, dopo avere ricevuto i dati della Asl che hanno riscontrato la presenza delle varianti inglese e brasiliana tra gli ultimi casi di positività registrati tra i residenti, ha annunciato la chiusura delle aule didattiche con sospensione delle lezioni in presenza. Il provvedimento è in vigore da lunedì 1 Marzo a sabato 6 Marzo 2021, per le classi seconda e terza delle scuole secondarie di primo grado della Luca Pacioli e Arrigo Bugiani e per tutti gli istituti scolastici superiori presenti sul territorio.

A Siena il sindaco Luigi De Mossi ha sospeso la didattica in presenza in tutte le scuole di ogni ordine e grado comprese le attività educative nei nidi dell'infanzia, lo ha reso noto il sindaco che ha firmato oggi una ordinanza a partire da lunedì 1 Marzo e fino al 6 Marzo compreso, salvo proroga. La decisione, spiega una nota dell'ente, è dovuta a "l'evoluzione della pandemia nella provincia di Siena, dove negli ultimi giorni è stato registrato un incremento dei contagi legato, presumibilmente, alla presenza delle varianti più aggressive, con focolai rilevati proprio in alcuni istituti scolastici".

Nel Comune di Arezzo il sindaco Alessandro Ghinelli ha chiuso tutte le scuole mentre resteranno aperti solo gli asilo nido e le scuole materne. La decisione presa in accordo con la Asl. L'ordinanza entrerà in vigore da lunedì fino al 13 Marzo per elementari, medie e superiori chiuse. Una decisione che si è resa necessaria per contenere il virus che sta imperversando nel comune come è già stata presa anche in altri territori come a Castiglion Fiorentino e nei giorni scorsi a Sansepolcro.

A Marciano della Chiana sono 19 gli studenti positivi di sei classi delle scuole medie e vista l'impennata di nuovi casi di coronavirus la sindaca Maria De Palma ha deciso per la chiusura di tutte le scuole, dalla prima infanzia fino alle medie, queste erano già praticamente chiuse visto che tutte le sei classi della scuola erano in quarantena.

Nel Comune di Carrara il sindaco Francesco De Pasquale ha chiuso le scuole medie Taliericio per due casi sospetti di variante inglese.


Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo di è tolto la vita sparandosi con la pistola di ordinanza negli spogliatoi. Il corpo è stato ritrovato da un collega
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità