Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:FIRENZE13°20°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 21 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Kabul, una troupe di giornalisti viene aggredita durante una protesta per i diritti delle donne

Attualità mercoledì 01 giugno 2016 ore 16:55

Destinazioni fuori porta per la tramvia

Siglato in Regione l'accordo che dà il via all'estensione delle linee verso Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio. Tempi serrati per i lavori



FIRENZE — Il patto siglato nella sede della presidenza della Regione Toscana in palazzo Strozzi Sacrati a Firenze mette nero su bianco tempi e costi per la realizzazione del nuovo sistema tramviario che attraverserà i nodi principali di Firenze collegandoli a Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Scandicci e Bagno a Ripoli. 

A siglare il patto sono stati i Comuni interessati, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e quello dell'area metropolitana Dario Nardella.

L'accordo prevede il completamento entro il 2018 delle tre linee della tranvia fiorentina, cioè la 1 da Santa Maria Novella a Scandicci, la 2 dall'aeroporto a Santa Maria Novella e la 3.1 da Careggi a Santa Maria Novella. Ai 47 milioni di euro già stanziati per queste opere ne vengono aggiunti altri 3 attraverso un finanziamento regionale. 

Altro punto saliente dell'accordo è quello che stabilisce i termini per la realizzazione delle due tratte aggiuntive che usciranno dal perimetro cittadino per collegare l'aeroporto di Firenze al polo scientifico di Sesto e la stazione Leopolda alle Piagge. Per queste l'investimento è di 327 milioni: già pronti, per ora, 100 milioni derivanti dello 'Sblocca Italia' del Governo e 80 messi dalla Regione. Il resto andrà trovato anche attraverso ulteriori fondi nazionali. I lavori inizieranno nel 2019 per la tratta Leopolda-Piagge e nel 2020 per quella aeroporto-polo scientifico. I tempi sono stretti perché, ha detto il presidente Enrico Rossi, i tempi per la rendicontazione scadono nel 2022.

"C'è una grande unità di intenti – ha aggiunto Rossi - tra i sindaci della città metropolitana e la Regione. Conveniamo tutti sulla bontà della cura del ferro che si è dimostrata giusta per garantire il diritto alla mobilità dei cittadini, inquinando di meno e muovendosi in modo più leggero".

Per le estensioni delle tratte verso Bagno a Ripoli e Scandicci, il Comune di Firenze si occuperà degli studi per il sotto attraversamento fiorentino e la riduzione del traffico in città.

Sul rispetto dei tempi stabiliti dall'accordo, vigileranno il direttore generale della Regione Toscana e quello del Comune di Firenze.

Servizio di Dario Pagli
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La vettura ha travolto il conducente che l'aveva appena parcheggiata su una rampa condominiale. Il mezzo è di proprietà della figlia della vittima
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Attualità