comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 21°28° 
Domani 21°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 14 luglio 2020
corriere tv
Recovery Fund, Merkel: «Ci sono divergenze, ma puntiamo a trovare l'accordo»

Attualità venerdì 29 maggio 2020 ore 10:48

Le misure anti Covid per i cantieri pubblici

Dalla Regione Toscana le linee guida da adottare nei cantieri, su come metterle in pratica e il modo in cui calcolare l’ammontare dei costi



FIRENZE — Le misure precauzionali da adottare all'interno dei cantieri di committenza pubblica in Toscana necessarie per garantire la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori per prevenire il contagio da Covid-19. 

Dall'informazione dei lavoratori attraverso cartellonistica ad hoc, alla sanificazione degli ambienti comuni, delle attrezzature, la modalità di accesso dei fornitori esterni al cantiere, le procedure da seguire in presenza di un caso di Covid all'interno del cantiere.

La Regione Toscana ha stilato un prontuario sulle misure anti Covid-19 da adottare nei cantieri di committenza pubblica è stato stilato anche un elenco con i prezzi delle misure stesse. In un periodo in cui l'emergenza sanitaria è ancora in corso, si tratta di uno strumento operativo per accelerare la ripresa dei lavori nei cantieri dove era l'attività stata sospesa e in quelli nuovi che devono ancora essere consegnati (alleghiamo in fondo all'articolo le misure della Regione).

Le linee guida sono state approvate dalla giunta il 25 maggio con una delibera presentata dall’assessore alla presidenza Vittorio Bugli e dall’assessora alla salute Stefania Saccardi.

E' stata anche calcolata l’incidenza economica per la messa in atto delle misure anti-Covid, un aspetto necessario nel caso di appalti e procedure di gara. L’adeguamento delle misure necessarie a tutelare la salute dei lavoratori comporterà infatti alla fine un aumento dei prezzi. La Regione ha indicato il delta in un 2 per cento in più sulle spese generali (che passano dunque dal 15 al 17 per cento) da applicare su tutte le voci di lavorazione al netto dell’utile.

Naturalmente il maggior costo dovrà essere calcolato, sui cantieri che c’erano prima del lockdown e che ora ripartono e su quelli che si aprono adesso, solo fino al termine della fase di emergenza. Se i lavori si protraessero oltre, i costi dovranno tornare a quelli pre-emergenza. La Regione Toscana già si era occupata di cantieri al tempo del Covid con le ordinanze n. 40 e 48.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca