Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°30° 
Domani 19°26° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 22 agosto 2019

Attualità giovedì 16 febbraio 2017 ore 16:41

Qualità dell'aria, Toscana migliora ma non basta

Servizio di René Pierotti

Il report Mal'aria di Legambiente dice che i capoluoghi non hanno sforato i limiti Pm10. Ferruzza: "Piane lucchese e pistoiese da allarme sanitario"



FIRENZE — Migliora ma non abbastanza la qualità dell'aria in Toscana. E' quanto emerge dal dossier Mal'aria redatto da Legambiente che si riferisce al 2016 e che fa il punto sulla situazione dello smog nelle città e nel territorio regionale.

Riguardo alle polveri sottili i capoluoghi di provincia sono tutti dentro i parametri di legge anche se l'agglomerato fiorentino, la zona di Prato e Pistoia e quella pisana e lucchese evidenziano valori vicini ai limiti. Maglie nere dell'inquinamento sono Capannori e Montale rispettivamente con 44 e 43 giorni di sforamento delle Pm10. Il limite è di 35 giorni annuali. Ferruzza, presidente di Legambiente Toscana, ha definito la situazione delle piane lucchese e pistoiese "da allarme sanitario".

L'aria migliore si respira nella zona costiera, nelle nove stazioni che vanno da Grosseto a Massa sono solamente 24 i giorni di sforamento delle Pm10.

Legambiente ha proposto alcuni provvedimenti per le città come incrementare le piste ciclabili e pedonali, gli ettari di verde urbano, lasciare fuori dai centri abitati le auto diesel e aumentare i mezzi pubblici. Riguardo a quest'ultimo punto Ferruzza ha citato l'esempio positivo della tramvia fiorentina, nella zona di Scandicci le emissioni sono diminuite in maniera sensibile.

L'obiettivo di Legambiente è quello di mantenere alta l'attenzione sui piani di azione di ogni comune e a livello regionale.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità