Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 07 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella a Sanremo, la standing ovation dell'Ariston poi canta l'«Inno» e si commuove alle parole di Benigni

RIGASSIFICATORE lunedì 19 settembre 2022 ore 19:10

Rigassificatore, confronto aperto con un solo "no"

La conferenza dei servizi
La seduta della conferenza dei servizi

Oltre 30 enti si sono scambiati osservazioni durante la conferenza dei servizi sull'impianto destinato al porto di Piombino. Protesta dei comitati



FIRENZE — Confronto aperto sul rigassificatore di Piombino con l'esposizione di osservazioni articolate e un solo granitico no: quello del Comune di Piombino. E' il bilancio della prima riunione della conferenza dei servizi sulla collocazione del rigassificatore nel porto piombinese, svoltasi stamani a Firenze nella sede della giunta regionale toscana, Palazzo Strozzi Sacrati.

A tirare le fila dell'assise che ha coinvolto 35 enti è stato il commissario straordinario per l'opera, Eugenio Giani, che ha parlato di un dibattito costruttivo e scevro da preclusioni assolute tranne che nel caso del Comune di Piombino il cui parere si conferma nettamente contrario al punto da non escludere la possibilità di avanzare ricorso.

Ambiente e sicurezza sono state le tematiche al centro di questa prima riunione. Nel concreto si è discusso del posizionamento esatto che la nave avrà, del percorso che seguirà il gasdotto negli 8 chilometri di tracciato fra il rigassificatore e la rete di distribuzione nazionale. Ma sono stati soppesati anche gli aspetti estetici, con il contributo della soprintendenza rispetto al colore della nave. 

Il commissario straordinario non ha mancato di rammentare i posti di lavoro che la presenza del rigassificatore genererebbe: nei mesi di cantiere, è stato spiegato stamani, lavoreranno all’impianto circa 800 persone, di cui 336 lavoratori di imprese locali. A regime il personale a bordo della nave sarà composto da una quarantina di persone. 

In contemporanea allo svolgimento della conferenza dei servizi, davanti a Palazzo Strozzi Sacrati stamani i comitati del "no" al rigassificatore di Piombino giunti dalla stessa Piombino, dall'Elba e dal comprensorio hanno dato vita a una manifestazione esponendo il loro striscione con su scritto “No rigassificatore”. Al loro fianco anche associazioni ambientaliste e comuni cittadini.

Le prossime tappe

La conferenza dei servizi è aggiornata al 7 Ottobre. A seguire, la tabella di marcia prevede per il 13 Ottobre la riunione degli enti di competenza statale per l'espressione di un parere unico dello Stato, poi di nuovo si riunirà la conferenza dei servizi il 21 Ottobre per arrivare quindi al parere definitivo sull'autorizzazione entro il termine fissato dalla legge al 27 Ottobre 2022.

E adesso tocca anche a Snam: entro il 27 Ottobre dovrà indicare la destinazione offshore che il rigassificatore dovrà avere dopo il triennio di permanenza in porto.

Il progetto in breve

Sono stati ripercorsi stamani i numeri e alcuni particolari del progetto, a partire dagli 8 chilometri di tubature per portare il gas nelle rete nazionale al sistema che utilizzerà l’acqua del mare, più calda, per raffredare i tubi del gas liquefatto (-161 gradi) e farlo tornare gassoso. 

L’acqua sarà poi riimmessa in mare, raffreddata di 7 gradi ma senza effetti, è stato precisato, per l’ittocoltura o la pesca, esaurendo i suoi effetti all’interno del porto. Ugualmente per l’ipoclorito di sodio usato, nei limiti di legge, per tenere pulito lo scambiatore. 

Sono stati approfonditi i temi della sicurezza, naturalmente. Ci si è soffermati nel corso della riunione di stamani, ricorda il presidente commissario, anche sul colore della nave, che la soprintendenza ha chiesto che abbia una tinta più omogenea al paesaggio. Si è discusso dell’impatto economico dell’opera. Tutti dettagli che saranno utili, aggiunge, per rispondere alle preoccupazioni della popolazione locale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Originaria di Milano, in Toscana aveva svolto gran parte della sua carriera. Giallo sulla sua morte, gli investigatori non escludono alcuna ipotesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità