Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 08 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni alla Prima della Scala: «Sono incuriosita, è la mia prima volta»

Attualità lunedì 23 dicembre 2019 ore 17:40

Sciopero del commercio per Natale e Capodanno

I sindacati toscani hanno indetto una mobilitazione che prevede l'astensione dal lavoro da parte dei dipendenti durante le festività natalizie



FIRENZE — Astensione e sciopero dal lavoro per il 25 e 26 dicembre 2019 e 1° e 6 gennaio 2020. Con le feste natalizie le sigle sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, UilTucs Toscana sono tornate all'attacco "Il Governo aveva promesso la modifica della Legge Monti con l'individuazione delle festività con l’obbligo di chiusure per tutti e la reintroduzione della chiusura per le domeniche. Eccoci di nuovo alle festività natalizie, ma nulla è cambiato" è quanto i sindacati hanno affidato ad una nota che ha annunciato la mobilitazione.

"Noi diciamo “no al sempre aperto”, il commercio non è un servizio essenziale. Il Governo recepisca la proposta unitaria di Filcams, Fisascat e Uiltucs presentata in Commissione Lavoro. In attesa di veder realizzate le nostre richieste, Filcams, Fisascat e Uiltucs della Toscana proclamano astensione e sciopero dal lavoro per il 25 e 26 dicembre 2019 e 1° e 6 gennaio 2020. Sottolineando quanto molte sentenze hanno sancito: il lavoro nelle festività civili e religiose individuate dal Contratto nazionale non è un obbligo. Il lavoratore non può essere comandato al lavoro senza il proprio consenso. La festa non si vende" hanno concluso.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno