Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE14°27°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 13 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Neymar distratto dal telefono gioca a poker durante la festa di compleanno della figlia

Attualità domenica 26 febbraio 2023 ore 12:41

Sos raccolti, gelate dopo il caldo anomalo

Il caldo anomalo ha anticipato le fioriture ma il gelo ha fatto scattare l'allarme per i raccolti. La pioggia potrebbe però mitigare la siccità



FIRENZE — Prima il caldo anomalo che ha provocato la siccità degli invasi e poi il vento gelido che ha riportato la neve, le piante in fiore sono sorvegliate speciali per il rischio di perdita dei raccolti.

Coldiretti ha lanciato l'allarme per le fioriture fuori stagione di mandorli, peschi e ciliegi, anticipate da settimane di caldo anomalo e adesso colpite dal crollo della colonnina di mercurio, anche di 10 gradi.

Coldiretti ha registrato la maturazione in anticipo delle primizie che sono particolarmente sensibili al freddo.

"Si tratta degli effetti del cambiamento climatico che si manifesta proprio con una più elevata frequenza di eventi estremi, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo. L’arrivo delle precipitazioni se non sarà violento è invece importante per contrastare la grave siccità, aiutare i cereali in campo e consentire le lavorazioni dei terreni per preparare le semine primaverili in una situazione in cui si registra un deficit idrico del 30% che sale addirittura al 40% nel nord Italia, secondo l’analisi della Coldiretti su dati Isac Cnr".

Alcuni esempi. "Il fiume Po è a secco e al Ponte della Becca (Pavia) si trova a -3,3 metri rispetto allo zero idrometrico, con le rive ridotte a spiagge di sabbia come in estate, secondo l’ultima rilevazione della Coldiretti. Lo stato di magra del più grande fiume italiano è rappresentativo delle difficoltà in cui si trovano tutti gli altri corsi d’acqua del settentrione con i grandi laghi che hanno percentuali di riempimento che vanno dal 36% del lago di Garda al 39% di quello Maggiore fino al 19% di quello di Como ma si registra anche lo scarso potenziale idrico stoccato sotto forma di neve nell’arco alpino ed appenninico".

“Di fronte al cambiamento climatico è necessario realizzare un piano invasi per raccogliere l’acqua quando c’è e distribuirla quando manca - sostiene il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel precisare che - oggi la raccolta dell’acqua piovana è ferma all’11% ed insieme ad Anbi e soggetti pubblici e privati abbiamo pronti una serie di interventi immediatamente cantierabili che garantiscono acqua per gli usi civili, per la produzione agricola e per generare energia pulita”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno