Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:58 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 26 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ischia, la disperazione degli abitanti di Casamicciola: «Qui è un macello...»

Attualità lunedì 30 novembre 2015 ore 17:39

Un Paese nel fango

D’Angelis, direttore de L'Unità, ha presentato il suo libro “Un Paese nel fango" e Rossi ha annunciato 540 milioni contro il dissesto idrogeologico



FIRENZE — Erasmo D’Angelis a Firenze per presentare il suo nuovo libro. Ex responsabile dell’Unità di missione di Palazzo Chigi contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche, oltre che attuale direttore del quotidiano L’Unità, D’Angelis ha presentato il suo libro “ Un Paese nel fango. Frane, alluvioni e altri disastri annunciati. I fatti, i colpevoli, i rimedi", edito da Rizzoli.

Un percorso che va dai terremoti alle grandi alluvioni, con la storia d’Italia costellata di catastrofi naturali. Dal direttore de l’“Unità” un’analisi impietosa degli errori e delle colpe che hanno portato "il nostro Paese al disastro", e un programma in undici mosse per scrivere una pagina di futuro. Le colpe sono assai più vicine di quanto si pensi e i colpevoli hanno un nome e un cognome. Anni di cemento a presa rapida sulle coste e ai piedi delle montagne, di sviste, di condoni e normative suicide. A cui è seguito uno stato di perenne emergenza, con deroghe alle leggi e poteri straordinari, facilmente trasformatisi nei luoghi ideali per il prosperare di criminalità e malaffare.
Ma D'Angelis propone anche un programma per portare il nostro Paese, e la sua fragile bellezza, fuori dall’emergenza. Perché, come scrive Matteo Renzi nella prefazione, "nella storia di un grande Paese arriva un momento in cui si guarda in faccia la realtà, si fa tesoro degli errori del passato, errori di tutti, e si scrive la pagina del futuro. Arriva un momento in cui si mettono da parte le polemiche e ci si infila gli stivali di gomma per spalare il fango. Per la politica, a ogni livello, sono finiti i margini per bluffare. Non è più il caso".

La presentazione si è tenuta nel corso di un incontro in collaborazione con ANBI Toscana ospitato stamani all’Accademia dei Georgofili.

"A gennaio presenteremo un piano di sviluppo quinquennale da qui al 2020 per la prevenzione del rischio idrogeologico, che prevede una spesa intorno ai 540 milioni di euro, tra risorse nostre e del governo, all'incirca metà e metà". Lo ha detto Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, presente alla presentazione del libro di Erasmo D'Angelis . Secondo Rossi "è una cifra importante, non banale. Sfido qualcuno più 'ganzo', come si dice in Toscana, a spendere di più. Chi ve lo dice racconta balle, infatti le altre Regioni non riescono nemmeno a spendere quello che hanno assegnato". 

Nell'arco di 5-10 anni, ha spiegato il governatore, "la situazione può cambiare in modo profondo e significativo per i cittadini. D'altra parte quello che non è stato fatto per decenni non si risolve in un anno e nemmeno in tre, con la bacchetta magica". Per Rossi "credo che in questi anni abbiamo prodotto una svolta, commissariando una serie di situazioni e con l'idea che non importante invocare miliardi, ma spendendo quello che si può davvero utilizzare: e la nostra misura è intorno a 100 milioni all'anno".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

ERASMO D'ANGELIS SU UN PAESE NEL FANGO - video
ENRICO ROSSI SU DISSESTO IDROGEOLOGICO - video
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'operaio è stato raggiunto dalle fiamme divampate nei locali dell'azienda. Soccorso in codice rosso, le sue condizioni sono serie
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità