Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 00:04 METEO:FIRENZE14°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 10 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Treviso, incidente deltaplano: il video della tragedia

Politica giovedì 14 maggio 2015 ore 13:05

Giannarelli punta deciso al ballottaggio

Giannarelli su Tav, Mps e candidature - Video

Settimana prossima i deputati "big" del Movimento 5 stelle torneranno in Toscana per sostenere il candidato governatore: "Finirà come a Livorno"



FIRENZE — Dei sondaggi si fidano poco, per questo non ne hanno commissionato nemmeno uno, ma i candidati del Movimento 5 stelle della Toscana sono certi di essere l'unico vero avversario di Enrico Rossi nella corsa alla ricandidatura.

Per questo nei prossimi giorni i "big" pentastellati abbandoneranno i loro scranni a Montecitorio per affiancare il candidato Giacomo Giannarelli nel suo viaggio in Toscana. Mercoledì prossimo ad esempio arriveranno a Firenze Alessandro Di Battista, Paola Taverna, Alfonso Bonafede e altri: indosseranno gli abiti da camerieri per servire al tavolo i partecipanti all'apericena organizzato alle Murate da Giannarelli e dai suoi candidati fiorentini. In attesa di Beppe Grillo che potrebbe arrivare per la spallata finale.

"Fatevi servire dai vostri parlamentari" lo slogan della giornata. Intanto Giannarelli è tornato sui temi caldi della campagna elettorale e ha rispolverato i cavalli di battaglia del movimento. 

"I nostri candidati sono tutti cittadini incensurati e sconosciuti alle procure - ha spiegato nel giorno della presentazione dei candidati del collegio Firenze 1 -. Nessuno di noi è condannato o indagato ma facciamo parte di una cittadinanza attiva che ha deciso di impegnarsi in prima persona e non delegare più. Nessuno di noi ha mai fatto politica in senso elettivo ma solo nel senso più alto, occupandoci della cosa pubblica senza mai candidarsi fino ad ora".

E poi i due temi del giorno: la Tirrenica e la scelta di Comune di Firenze e Regione di non costituirsi parte civile nel processo sulla Tav. "Il Comune di Firenze e la Regione Toscana  - ha detto Giannarelli - avrebbero dovuto costituirsi parte civile nel processo per il nodo Av fiorentino perché noi vogliamo tutelare il bene pubblico e la finanza pubblica. C'era da prendere una posizione netta rispetto alla Tav che vede 8 anni di cantieri, solo una piccola parte realizzata con i costi raddoppiati".

"Sulla Tirrenica - ha aggiunto il candidato - diciamo no al pedaggio e vogliamo mettere in sicurezza l'Aurelia dall'inizio alla fine". E ha specificato. "Non siamo d'accordo con il pedaggio - ha aggiunto -, e sopratutto diciamo 'no Sat'".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Drammatico incidente verso le 12,30 sulla Perugia-Bettolle dopo Foiano. L'uomo è morto subito, la donna nel pomeriggio all'ospedale di Siena
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità