Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:40 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 03 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
L'accorato appello di Ornela: «Contratti di lavoro da 750 euro? Uno schiaffo. Smettiamo di accettare paghe da fame»

Lavoro sabato 06 febbraio 2021 ore 18:20

Chiude il cementificio Testi, in 75 senza lavoro

Il cementificio Testi
Il cementificio Testi

L’azienda proprietaria Buzzi Unicem ha annunciato la chiusura dello stabilimento al 31 Marzo. Amareggiati Giani e il consigliere Fabiani



GREVE IN CHIANTI — L'azienda Buzzi Unicem, proprietaria del cementificio Testi di Greve in Chianti e dello stabilimento piemontese di Arquata Scrivia, ha reso noto la chiusura dei due siti produttivi.

La conferma della chiusura è arrivata in una riunione in videoconferenza del coordinamento nazionale tra i sindacati e l’azienda Buzzi Unicem.

Il provvedimento di chiusura sarà effettivo dal dal 31 Marzo prossimo, data della scadenza del blocco dei licenziamenti.

Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil Firenze in rappresentanza dei 75 dipendenti toscani sono subito insorte: “Si tratta di una decisione grave, inaccettabile e ingiustificata, senza ragioni industriali. Oggi hanno motivato la decisione dopo una ricostruzione della crisi del settore, ricostruzione che secondo noi non corrisponde alla realtà su Testi: Buzzi Unicem ha comprato lo stabilimento di Testi nel 2019, in piena crisi, solo per aumentare quote di mercato, tant’è che già dopo poco tempo ha iniziato a smobilitare sulla produzione. Chiediamo all’azienda di tornare indietro su questa decisione, e subito parta un confronto su un piano sociale per i lavoratori e su come ovviare alle ripercussioni ambientali di una eventuale chiusura”.

Ieri il presidente della Toscana, Eugenio Giani, insieme al consigliere per la gestione delle crisi aziendali Valerio Fabiani, hanno incontrato in videoconferenza il manager Antonio Buzzi. Nelle mani di Giani la lunga nota di denuncia dei sindacati, che il presidente ha incontrato lunedì scorso davanti a palazzo Strozzi Sacrati e che al tavolo nazionale, si sono sentiti annunciare la chiusura dello stabilimento: "Condivido le preoccupazioni espresse e sono amareggiato per questa scelta; si tratta di uno degli ultimi avamposti manifatturieri nel territorio del Chianti. La scelta di interrompere la produzione contrasta con la programmazione della Regione, che già adesso e anche nel futuro, grazie al recovery fund, prevede opere pubbliche, edilizia e infrastrutture con progetti in parte già cantierabili".

"Per noi Testi era ed è un sito strategico e per questo abbiamo elencato proposte sulle quali siamo pronti a lavorare, anche mettendo in campo risorse e attivando tutti gli strumenti disponibili - ha detto Fabiani -; se poi l'azienda non fosse interessata, fatto salvo il nostro impegno per trovare altri interlocutori, resta in ogni caso il fatto che la multinazionale non potrebbe sottrarsi alle responsabilità sociali e di bonifica ambientale". In particolare Fabiani chiede "la più ampia copertura di ammortizzatori sociali, un incentivo alla ricollocazione e comunque, complessivamente, un ruolo dell'attuale proprietà nella transizione verso la reindustrializzazione del sito".

Tra gli argomenti che la Regione ha indicato all'azienda anche l'individuazione di una advisor specializzato nel ricollocamento territoriale dei lavoratori e nel rilancio di Testi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corpo senza vita di un 53enne è stato rinvenuto in un riparo di fortuna riverso a terra. Gli inquirenti propendono per la lite finita in tragedia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Monitor Consiglio

Cronaca

Cronaca

Cronaca