Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:28 METEO:FIRENZE16°20°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 02 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultimo messaggio del rapper russo Walkie prima del suicidio: «Non sono pronto a uccidere»

Attualità martedì 28 settembre 2021 ore 19:40

La mappa dei danni neurologici del Covid

Un sanitario in ospedale

Chi si lascia alle spalle l'infezione deve spesso fare i conti con una serie di complicazioni, dalla perdita di gusto e olfatto all'ictus. Vediamoli



ROMA — In Italia 4 milioni e 433mila persone hanno contratto il Covid-19 e sono guarite. Ma a molte di esse l'infezione ha lasciato strascichi pesanti e per molto tempo, come ha dimostrato lo studio Neuro-Covid, condotto su 2.500 pazienti dall'Università Milano-Bicocca insieme all'Università e all'Istituto Auxologico di Milano, con il contributo di 50 reparti di neurologia e il patrocinio della Sin.

Vediamo quali sono i disturbi neuologici più frequenti del cosiddetto long Covid.

Il primo e più frequente è l'alterazione combinata dell'olfatto e del gusto: colpisce il 40% dei pazienti e nella metà di questi dura almeno un mese. Ma un paziente su 5 se lo porta dietro anche per 6 mesi.

Un altro disturbo frequente è l'encefalopatia acuta: si tratta di uno stadio di confusione mentale, agitazione generale, perdita dell'attenzione e della memoria che può arrivare ad alterare lo stato di coscienza e portare al coma. A innescare il problema è in genere la scarsa ossigenazione del cervello provocata dalla polmonite da Covid ma a volte all'origine c'è una infiammazione cerebrale.

Il 20% dei pazienti con problemi neurologici a causa del Covid hanno avuto un ictus ischemico durante la malattia o subito dopo. Una connessione diretta non è stata ancora dimostrata ma, in quasi tutti questi pazienti, l'infezione da nuovo coronavirus potrebbe aver innescato una trombosi arteriosa cerebrale.

Molto diffusa anche la cefalea associata al Covid che, nel 50% dei casi, persiste per 2 settimane mentre un paziente su 5 ne soffre per almeno 3 mesi.

La sindrome da long Covid racchiude disturbi cognitivi, conosciuti anche come nebbia cognitiva: colpiscono il 10% dei contagiati, sono lievi e hanno una rilevante componente emotiva. In genere durano 3 mesi e si risolvono del tutto entro i 6, spontaneamente.

I danni neurologici provocati dal Covid saranno al centro del Congresso mondiale di neurologia che si terrà a Roma, organizzato dalla Sin, dal 3 al 7 ottobre e lo studio Neuro-Covid sarà confrontato con altri studi internazionali.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo di 78 anni disperso nei boschi dell'Amiata è stato ritrovato senza vita dai volontari che avevano attivato un piano di ricerche a tappeto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità