Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:50 METEO:FIRENZE7°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 28 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Usa, afroamericano ucciso dalla polizia: esplode la protesta

Attualità domenica 26 luglio 2015 ore 22:10

Ici sulle scuole paritarie, interviene il Governo

Grazie a una sentenza della Cassazione 2 scuole gestite da religiose dovranno pagare l'Ici al Comune di Livorno. Ma il governo annuncia provvedimenti



ROMA — Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti convocherà quanto prima un tavolo con le associazioni del settore per affrontare la questione. E una soluzione normativa è richiesta anche delle scuole livornesi.

"Si formuli una norma chiara e si espliciti cosa si intende per funzione pubblica svolta da enti privati, perché è questo il cuore del discorso" ha dichiarato all'agenzia Ansa l'avvocato Alessandro Giovannini. 

Il legale ha anche ricordato che la vertenza fra i due istituti e il Comune sul pagamento dell'Ici non é terminata. "La Cassazione ha annullato la sentenza della Commissione tributaria della Toscana - ha precisato il legale - Ma ha anche rinviato il tutto ad un'altra sezione della commissione". E il proseguimento della battaglia legale si giocherà soprattutto sulle caratteristiche "commerciali" delle scuole.

Sulla vicenda è intervenuto anche il segretario della Cei, monsignor Nunzio Galantino, chiedendo all'esecutivo guidato da Matteo Renzi di dichiarare chiaramente "se vuole favorire e promuovere la libertà di educazione, se ci tiene a dare alle famiglie la possibilità di scegliere la formazione per i propri figli".

Analoga esortazione è arrivata da Famiglia Cristiana.

Il sottosegretario De Vincenti ha ammesso che la sentenza della Suprema Corte "segnala una difficoltà interpretativa" di una norma introdotta dal Governo Monti. Di qui l'impegno di aprire un nuovo confronto con le organizzazione no profit per arrivare a un definitivo chiarimento normativo. 

Secondo i dati diffusi dalla deputata del Pd Simonetta Rubinato, "negli anni il pluralismo educativo sarebbe drammaticamente arretrato visto che 50 anni fa le scuole paritarie erano il 27% dell'offerta educativa, oggi sono solo il 12%". 

L'Associazione Nazionale degli Istituti Non Statali di Educazione e di Istruzione hanno definito le pronunce della Cassazione "ineccepibili". "Riportano equità e ordine - ha dichiarato l'associazione in una nota - ponendo fine ad un ingiustificato discrimine tra le scuole paritarie in base alla tipologia dell'ente gestore".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dottore, 42 anni, si è reso conto di quanto gli stava accadendo mentre era impegnato nel turno di notte. Corsa in ospedale in codice rosso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca