Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:02 METEO:FIRENZE21°34°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 01 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Wimbledon, Sonego show contro Gaston: è suo il punto più bello della giornata

Attualità martedì 08 settembre 2015 ore 14:55

Il primo giorno di scuola slitta in mezza Toscana

A Firenze, Lucca e Massa i sindacati hanno indetto 4 ore di assemblea per il 15 settembre in protesta contro la riforma. A Livorno stop di 4 giorni



FIRENZE — Ricomincia la scuola e riparte la protesta. Cgil, Cisl, Gilda, Cobas e Snals hanno deciso di non arretrare di un millimetro e nonostante la Uil abbia deciso di sfilarsi hanno confermato l'assemblea per le prime 4 ore di scuola.

L'idea di protestare in occasione della prima campanella era partita da Firenze a inizio agosto, ma ora ha coinvolto anche le province di Lucca e Massa, mentre a Livorno, con modalità diverse da scuola a scuola, le assemblee si svolgeranno dal 15 al 18 settembre.

Per ora non è chiaro quanto vasta sarà l'adesione, ma i sindacati sono ottimisti. "Sappiamo che da Scandicci, dal Mugello e dall'Empolese partiranno diversi pullman diretti all'Obi Hall - ha detto Paola Pisano della Cgil fiorentina -. Ma sappiamo anche che ci sono dirigenti scolastici che stanno boicottando l'assemblea e hanno provveduto a informare gli insegnanti solo appena rientrati a scuola senza dargli il tempo materiale per aderire".

Molte scuole però, come ad esempio l'istituto Caponnetto di Bagno a Ripoli, resteranno chiuse e i presidi hanno già comunicato ai genitori che il primo giorno di scuola slitterà al 16 settembre. All'assemblea hanno già deciso che aderiranno anche i ragazzi della Rete degli studenti.

I motivi della protesta dei sindacati sono essenzialmente tre, che corrispondono agli effetti distorsivi prodotti dalla riforma della #buonascuola.

"I meccanismi con cui verrà premiato il merito non ci convincono - ha spiegato Antonella Velani, numero uno della Cisl scuola a Firenze - così come il piano assunzioni del governo che ha creato assunti di serie A e di serie B". 

Il terzo punto riguarda la difformità di insegnamento che verrà a crearsi in tutta Italia a causa dell'eccessiva discrezionalità che i dirigenti scolastici avranno nel gestire i piani formativi, che da annuali diventeranno triennali.

"La scuola sta adottando un metodo aziendalista che non le appartiene - ha detto Stefano Fusi, dell'esecutivo dei Cobas Firenze  -. Quello dell'istruzione però non è un servizio erogato dallo Stato e basta. E' una funzione costituzionale".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

SLITTA IL PRIMO GIORNO DI SCUOLA IN MEZZA TOSCANA
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il pauroso incidente ha coinvolto due moto durante le prove libere pre gara di Coppa Italia. Un altro pilota è in condizioni gravi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca