Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:21 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 05 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il pallone spia cinese colpito e abbattuto: le immagini della caduta in Usa

Attualità martedì 01 settembre 2015 ore 18:44

Istat, la Toscana vede rosa

Servizio Serena Margheri

Da aprile a giungo sono stati creati 30 mila posti di lavoro rispetto allo stesso periodo del 2014. La disoccupazione è diminuita dall'11% all'8,5%



FIRENZE — L'Istat ha rivisto in positivo l'andamento del Prodotto interno lordo dell'Italia dei primi due trimestri del 2015 e l'obiettivo del governo Renzi di raggiungere una crescita dello 0,7% è più vicino.

Dati confortanti anche per la Toscana dove, spiega il governatore Enrico Rossi, da aprile a giungo sono stati creati 30 mila nuovi posti di lavoro, in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e la disoccupazione sarebbe diminuita così dall'11% all'8,5%, tradotto in numeri vorrebbe dire che da 180 mila i disoccupati sarebbero scesi a 145 mila. E la Toscana si piazza sotto solo a Veneto e Trentino. Ma il condizionale è d'obbligo visto che le rilevazioni Istat sono telefoniche e dunque le risposte soggettive. Un dato ancora molto alto, quello della disoccupazione, preoccupante ma con un segno di miglioramento.

"Sono dati da non enfatizzare e strumentalizzare – premette Enrico Rossi -, perché i numeri sono freddi e la sofferenza di chi un posto di lavoro l'ha perso o non lo trova ancora grandissima".

E l'occupazione in Toscana cresce soprattutto nei servizi all'impresa. "Visto che a crescere - spiega il presidente della Regione - sono soprattutto i servizi all'impresa, potrebbe essere che il manifatturiero votato all'export e l'industria toscana che ha tenuto (ed ha tenuto per gli imprenditori che hanno investito ma anche i lavoratori che si sono sacrificati) stia producendo effetti a cascata".

L'ultima parola è sul Job Act. "Le riforme, come ha detto di recente anche un consigliere economico di Palazzo Chigi - sottolinea - , da sole non producono lavoro. Non lo fa una diversa forma giuridica del contratto di lavoro. Lo possono fare e probabilmente lo hanno fatto gli incentivi alle assunzioni e stabilizzazioni, riducendo il numero dei contratti precari che nel 2014, tra i nuovi assunti, erano ancora l'85 per cento". "Incentivi – aggiunge – che andrebbero stabilizzati per non rischiare effetti boomerang, assieme a forme di detassazione per chi investe e crea nuova occupazione: una cosa su cui il Governo nazionale dovrebbe riflettere".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo di 47 anni è deceduto in seguito all'investimento di un cinghiale sulle strade del Mugello, inutili i soccorsi da parte del personale del 118
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità