Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:00 METEO:FIRENZE16°20°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 29 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Giornalista nella furia dell'uragano Ian: si aggrappa a un cartello per non volare via

Attualità mercoledì 21 gennaio 2015 ore 17:55

La fabbrica della morte

Servizio di Serena Margheri

​Il lungo corteo degli studenti del Treno della Memoria si sposta tra un blocco e l'altro ad Auschwitz I, il campo di concentramento adesso museo



AUSCHWITZ — La tortura qui era formata da due parole fame e fatica, e qui si perdeva tutto, dai vestiti fino al nome. Lo striscione con su scritto No al Razzismo ha aperto il corteo dei ragazzi del Treno della Memoria e dopo la posa di una corona al muro della morte, dove venivano fcucilati i prigionieri di Auschwitz, ha portato il saluto a nome della Regione Toscana il consigliere regionale Ardelio Pellegrinotti che ha ricordato ai ragazzi toscani di “lottare sempre per la pace", il discorso consigliere comunale di Firenze Cosimo Guccione, e poi l'accorato appello della rappresentante del Parlamento degli studenti Kleoniki Valleri per tutti i ragazzi toscani: 

"L'emozione forte che questa visita ad Auschwitz sta provocando in tutti noi troverà senso e seguito solo riportando nella nostra vita quotidiana la testimonianza di tolleranza e considerazione della diversità che quanto abbiamo visto qui suggerisce. Tutti speriamo che Auschwitz non si ripeta, ma le vicende storiche dicono che non è così, qui parte il nostro compito di resistenza "

A guardare le foto e i filmati, gli oggetti requisiti ai prigionieri, ci si emoziona e si piange, davanti alla camera a gas, davanti ai forni crematori. Orrori che qui si nascondono dietro l’apparente normalità di un ex caserma militare. E lo strazio è forse ancora più duro e forte quando ci si rende conto che dietro a quegli oggetti, una singola scarpa, uno spazzolino, una valigia c'è la vita persa di una persona.

Poi la visita al blocco 21 dove è custodito il memoriale Italiano che da quattro anni ad Auschwitz non si può più vedere, un 'opera a firma degli architetti Baffi e Belgioso, reduci da Mauthausen. Adesso questa opera che ricorda quanti sono morti nel campo di Auschwitz 1 tornerà in Italia e Firenze l'accoglierà a Gavinana. Gli studenti toscani hanno visitato il memoriale israeliano: video, documenti scorrono davanti agli occhi degli studenti toscani, la voce di Adolf Hitler risuona tra le pareti, e i giovani toscani cercano nel libro degli ebrei vittime dell'Olocausto, quel nome prezioso che hanno portato con loro dalla Toscana per renderlo vivo nei ricordi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Dario Magazzini - video
Kleoniki Valleri - video
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le ragazza ha 16 anni ed è grave. I mezzi coinvolti sono l'utilitaria a su cui viaggiavano le due donne e un furgone van con 5 persone a bordo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Cronaca

Attualità