Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:40 METEO:FIRENZE17°30°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanchez: «Draghi un maestro, quando parla lui in Consiglio europeo stiamo tutti zitti e ascoltiamo»

Attualità venerdì 15 luglio 2016 ore 19:54

In piazza per la libertà e la tolleranza

Trecento persone hanno preso parte alla commemorazione delle vittime della strage di Nizza sull'arengario di Palazzo Vecchio



FIRENZE — Anche questa volta Firenze ha risposto all'appello del sindaco Dario Nardella: circa trecento persone si sono radunate in piazza Signoria, di fronte all'Arengario di Palazzo Vecchio, per commemorare le 84 vittime dell'attentato terroristico di Nizza, compiuto ieri nel corso dei festeggiamenti del 14 luglio.

Come è già avvenuto per le due stragi di Parigi, la città ha voluto dare un segnale di solidarietà e di coraggio alla popolazione francese, contro la paura e l'odio.

Durante la cerimonia sono stati suonati l'inno francese e quello italiano. Presenti l'imam Izzedin Elzir che oggi, a nome delle comunità islamiche, ha condannato l'attentato, l'assessore regionale alla salute Stefania Saccardi, il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, il sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi.

"Hanno voluto sfregiare i valori del 14 luglio con un attentato - ha dichiarato il sindaco Nardella - ma i valori sono universali e sconfiggeranno il terrorismo".

DARIO NARDELLA SU MANIFESTAZIONE PER LE VITTIME DI NIZZA - dichiarazione
IZZEDINE ELZIR SU MANIFESTAZIONE PER LE VITTIME DI NIZZA - dichiarazione
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La vittima è un giardiniere di 57 anni. A trovare il corpo senza vita vicino alla legna da tagliare è stato un vicino di casa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca