Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE16°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 25 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Lavrov all'Onu: «L'Occidente vuole smembrare e cancellare la Russia»

Attualità martedì 13 ottobre 2015 ore 10:26

Forteto, l'ex pm minorile non sa nulla degli abusi

Via alle audizioni davanti alla commissione d'inchiesta in Consiglio regionale. Bambagioni: "La testimonianza di Andrea Sodi ci ha messo in imbarazzo"



FIRENZE — Un racconto surreale. E' questo il giudizio unanime espresso dalla commissione d'inchiesta che si è costituita in Consiglio regionale per indagare sulle responsabilità politiche che si celano dietro la vicenda degli abusi al Forteto e che ieri ha dato il via a una serie di audizioni, a cominciare a da quella dell'ex magistrato minorile Andrea Sodi.

Sodi ha infatti affermato di non aver letto alcuna sentenza riguardante il Forteto. "Né quella di Strasburgo - ha detto rispondendo ai componenti della commissione - né l'ultima". Eppure Sodi non ha negato di aver avuto rapporti con la comunità guidata da Rodolfo Fiesoli.

"Ho frequentato la cooperativa almeno una volta a settimana - ha detto Sodi -, intrattenendomi spesso a cena". Una frequentazione assidua durata fino al 2012. "Avendo visto la realtà – ha spiegato ai consiglieri – avevo imparato a conoscerli e avevo stima di quello che facevano per i minori".

Sodi ha anche affermato di non aver mai firmato alcun provvedimento di affidamento di minori alla cooperative, e di non aver subito alcuna pressione.

Un'affermazione, quest'ultima, sottoscritta anche dal presidente dell'ordine ordine degli avvocati di Firenze Sergio Paparo, mentre l’ex responsabile dell’Unità funzionale per la Salute Mentale di Infanzia e Adolescenza della Asl 10 per la zona Mugello Marino Marunti ha aggiunto qualche elemento in più.

“Se si vuole capire il meccanismo del Forteto - ha affermato -, occorre partire dalla sentenza di Strasburgo. Persone che hanno determinato la condanna dell’Italia non solo non sono state rimosse, ma in qualche caso hanno ricevuto premi di produttività e hanno fatto carriera”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' morto sul posto nonostante i tentativi di rianimazione il ragazzo di 26 anni alla guida dell'auto coinvolta nel drammatico incidente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca