Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°25° 
Domani 19°29° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 25 agosto 2019

Attualità martedì 31 gennaio 2017 ore 10:03

Strage di Viareggio, in corteo per la sentenza

Foto facebook Eva Canova

Al Polo fieristico di Lucca si è aperta la 145ma udienza del processo sull'esplosione del treno costata la vita a 32 persone. L'attesa dei familiari



LUCCA — Dopo sette anni e sette mesi ancora una volta i familiari delle vittime della strage di Viareggio si sono ritrovati davanti al polo fieristico di Lucca per la 145ma udienza del processo per individuare i responsabili del disastro. ''Viareggio 29-6-2009 niente sarà più come prima'' è lo striscione con le foto di tutte le vittime che ha aperto il corteo silenzioso dei familiari. Con loro anche una rappresentanza dei macchinisti delle Ferrovie e una bandiera del gruppo delle ''Tartarughe lente''. Chiudevano il corteo alcuni gonfaloni tra cui quello della Regione Toscana.

Per assistere all'udienza, la prima si tenne nel novembre 2013, è già arrivato anche il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro: "La città chiede da tanti anni che giustizia venga fatta, e con il massimo rispetto delle istituzioni della magistratura e dei giudici, credo - ha detto prima di entrare - che le famiglie e la stessa città di Viareggio abbiano diritto ad avere risposte".

Gli imputati, 33 tra persone fisiche e aziende, sono accusati a vario titolo di disastro ferroviario colposo, omicidio colposo plurimo incendio colposo e lesione colpose gravi e gravissime. Tra gli imputati anche l'ex ad di Ferrovie dello stato Mauro Moretti (l'accusa ha chiesto 16 anni di carcere), l'ex ad Rete Ferroviaria Italiana Michele Mario Elia e l'ex ad di Ferrovie dello Stato Logistica Vincenzo Soprano. Nessuno degli ex vertici è presente in aula.

I familiari delle 32 vittime non hanno disertato neppure un'udienza del lunghissimo processo: sempre presenti con i loro cartelloni, con le magliette bianche con le foto delle vittime che anche oggi occupano 32 sedie nello spazio riservato al pubblico nell'aula ricavata all'interno del polo.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità