Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 19 febbraio 2020

Attualità martedì 31 gennaio 2017 ore 10:03

Strage di Viareggio, in corteo per la sentenza

Foto facebook Eva Canova

Al Polo fieristico di Lucca si è aperta la 145ma udienza del processo sull'esplosione del treno costata la vita a 32 persone. L'attesa dei familiari



LUCCA — Dopo sette anni e sette mesi ancora una volta i familiari delle vittime della strage di Viareggio si sono ritrovati davanti al polo fieristico di Lucca per la 145ma udienza del processo per individuare i responsabili del disastro. ''Viareggio 29-6-2009 niente sarà più come prima'' è lo striscione con le foto di tutte le vittime che ha aperto il corteo silenzioso dei familiari. Con loro anche una rappresentanza dei macchinisti delle Ferrovie e una bandiera del gruppo delle ''Tartarughe lente''. Chiudevano il corteo alcuni gonfaloni tra cui quello della Regione Toscana.

Per assistere all'udienza, la prima si tenne nel novembre 2013, è già arrivato anche il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro: "La città chiede da tanti anni che giustizia venga fatta, e con il massimo rispetto delle istituzioni della magistratura e dei giudici, credo - ha detto prima di entrare - che le famiglie e la stessa città di Viareggio abbiano diritto ad avere risposte".

Gli imputati, 33 tra persone fisiche e aziende, sono accusati a vario titolo di disastro ferroviario colposo, omicidio colposo plurimo incendio colposo e lesione colpose gravi e gravissime. Tra gli imputati anche l'ex ad di Ferrovie dello stato Mauro Moretti (l'accusa ha chiesto 16 anni di carcere), l'ex ad Rete Ferroviaria Italiana Michele Mario Elia e l'ex ad di Ferrovie dello Stato Logistica Vincenzo Soprano. Nessuno degli ex vertici è presente in aula.

I familiari delle 32 vittime non hanno disertato neppure un'udienza del lunghissimo processo: sempre presenti con i loro cartelloni, con le magliette bianche con le foto delle vittime che anche oggi occupano 32 sedie nello spazio riservato al pubblico nell'aula ricavata all'interno del polo.



Tag

Napoli, Santori: «Chi mi contesta non è una sardina»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Spettacoli