Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:35 METEO:FIRENZE23°40°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 19 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trump alla convention di Milwaukee: «Sono qui davanti a voi per la grazia di Dio»
Trump alla convention di Milwaukee: «Sono qui davanti a voi per la grazia di Dio»

Attualità lunedì 04 marzo 2024 ore 18:55

Incubo cecidomia, olivicoltori in ginocchio

cecidomia
Un albero attaccato dalla fitopatia

Non uccide gli alberi ma li rende improduttivi, e nell'alta Toscana ha trovato il suo habitat ideale. Soluzioni allo studio degli scienziati toscani



PROVINCIA DI MASSA-CARRARA — Salta da una pianta all’altra infettando gli olivi che, per istinto di sopravvivenza, bloccano il ciclo vegetativo e lasciano cadere le foglie appesantite e rigonfie. Niente fiori, niente olive, niente olio. Un piccolo insetto, microscopico, ha messo in ginocchio imprese agricole ed hobbisti che non riescono più a produrre nemmeno una bottiglia per il consumo in famiglia. 

Si chiama Cecidomia, Dasinera oleae, e in Lunigiana - complici giornate sempre più miti che ne favoriscono la proliferazione anche oltre la primavera - sembra aver trovato l’habitat perfetto. Soluzioni? Al momento nessuna, anche se gli scienziati toscani sono al lavoro nello studio e nella sperimentazione di varie ipotesi di possibile trattamento. 

"In pochi anni il dittero galligeno delle foglie degli olivi è diventato da presenza circoscritta e innocua a calamità per gli agricoltori. Non uccide la pianta ma la rende improduttiva", denuncia Coldiretti Massa-Carrara in pena per il futuro di migliaia di piante e per un settore vitale per l’agricoltura lunigianese e per il paesaggio che la presenza degli olivi caratterizza. 

“In 6 anni la produzione nei comuni di Fosdinovo, Casola, Fivizzano, Licciana Nardi è stata azzerata", spiega Francesca Ferrari, presidente provinciale dell'associazione degli agricoltori. "Il contagio si sta lentamente diffondendo anche al resto dei comuni della Lunigiana - prosegue - dove è sempre stata presente in forma non aggressiva e sotto controllo. Le temperature sempre più miti e la presenza ha sicuramente influito sulla sua esplosione. A rischio c’è il futuro della nostra olivicoltura”.

Dalla scorsa primavera, con la collaborazione attiva in campo dei tecnici di Coldiretti, il Servizio fitosanitario della Regione Toscana ha iniziato la diffusione di bollettini settimanali di monitoraggio della fitopatia nei quali si forniva anche indicazioni di trattamento. Quest’anno, sempre su spinta di Coldiretti e dell’Unione dei Comuni della Lunigiana, la Regione Toscana ha finanziato una sperimentazione in campo nelle aziende agricole di diversi trattamenti, avvalendosi della collaborazione della Scuola Superiore Sant’Anna e dell'Università di Pisa per trovare una soluzione che riesca a sconfiggere questa fitopatia e dare sostegno agli agricoltori.

La diffusione della Dasinera oleae, pur non compromettendo la vita della pianta di olivo, sta mettendo a rischio uno dei principali segmenti dell’agricoltura provinciale che già deve fare i conti con gli effetti dei cambiamenti climatici che ha ridotto le produzioni ed il fenomeno dell’abbandono delle piante: “La vera sfida è quella di coinvolgere, insieme alle imprese agricole, gli hobbisti che in Lunigiana sono tantissimi ed evitare l’abbandono delle piante che favorisce la sua diffusione. Siamo in prima linea al fianco delle imprese", conclude Ferrari.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno