Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 00:25 METEO:FIRENZE15°22°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 26 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il discorso di Giorgia Meloni nella notte, tra emozione e pianti di gioia

Cronaca venerdì 14 aprile 2017 ore 12:55

La moglie al balcone fa scoprire il covo del boss

Concetto Bonaccorsi, latitante dal settembre 2016, stava preparando un barbecue sul terrazzo della villa di Massa e Cozzile insieme alla moglie



MASSA E COZZILE — La polizia stava seguendo le tracce del boss latitante Concetto Bonaccorsi, 56 anni, noto come ''u carateddu", in Toscana e durante un sopralluogo nella zona, ieri pomeriggio, a Massa e Cozzile hanno riconosciuto la moglie affacciata su un balcone, sul quale poco dopo hanno visto il boss preparare un barbecue. 

Gli agenti delle squadri mobili di Catania e Pistoia hanno quindi circondato l'edificio e fatto irruzione. Concetto Bonaccorsi non ha opposto resistenza. Nella casa sono state trovate una carta di identità e una patente di guida intestati a un catanese. 

Dopo la notifica del provvedimento restrittivo emesso dalla Procura generale di Milano per una condanna all'ergastolo per omicidio, associazione mafiosa e traffico di droga, il boss è stato condotto nel carcere di Prato.

Tra i tanti casi in cui è stato implicato anche quello dell'uccisione di Marco De Zorzi, avvenuta il 21 aprile del 1993 a Cassalnovo (Pavia). In quell'occasione rimase bloccato nell'ascensore e catturato in flagranza di reato. Processato è stato condannato a 23 anni e nove mesi di reclusione. 

A Milano, il 6 febbraio del 2001, è stato condannato a 30 anni per l'omicidio di Angelo Maccarrone, commesso il 18 dicembre 1990. 

E' stato coinvolto nelle operazioni antimafia Cuspide (1996) e Revenge (2009) e condannato all'ergastolo il 18 febbraio del 2000 con il capomafia ''Jimmy'' Miano per l''omicidio di Angelo Barbera, che era a capo dei ''Cursoti'' a Catania. Le indagini della squadra mobile sono state coordinate dalla Procura distrettuale di Catania. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le abbondanti precipitazioni hanno gonfiato i torrenti provocando esondazioni. Sul Fiume Cecina allerta massima per il passaggio della piena
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Cronaca

Politica