Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:15 METEO:FIRENZE10°14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 06 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Putin al volante di una Mercedes sul ponte di Crimea

Attualità lunedì 10 maggio 2021 ore 18:50

​Le iniettano per errore 6 dosi di vaccino Covid

È accaduto all'ospedale Noa a una studentessa che ha ricevuto un'intera fiala di siero Pfizer. È stata ricoverata in osservazione per un giorno



MASSA — Non una ma 6 dosi di vaccino contro la malattia Covid-19, formulazione Pfizer, sono state iniettate a una studentessa di psicologia clinica di 23 anni che, in quanto sanitaria, si era recata all'ospedale Noa di Massa per ricevere la prima dose di siero.

Ieri mattina verso le 9,30 alla studentessa sarebbe stata inoculata l'intera fiala di vaccino anti Covid-19 Pfizer-Biontech. Il flacone contiene 6 dosi, appunto. La giovane è stata ricoverata in osservazione fino a oggi, quando è stata dimessa dal reparto di Osservazione breve del pronto soccorso in cui era stata trattenuta per sicurezza: "Non ha manifestato febbre - hanno spiegato i vertici della Asl e dell'ospedale in conferenza stampa - anche se è spaventata". La ragazza è stata monitorata tutta la notte e non ha avuto sintomi.

È stato ricostruito che dopo l'inoculazione la ragazza è tornata a casa. I sanitari si sono accorti successivamente di aver somministrato sei dosi invece di una. La studentessa è stata richiamata e ricoverata.

Asl in una conferenza stampa convocata all'ora di pranzo ha spiegato che chi ha somministrato le sei dosi avrebbe preso per sbaglio la siringa col liquido non diluito. L'azienda sanitaria ha avviato un'indagine interna.

Adesso, hanno chiarito da Asl, deve essere attivato a livello regionale il centro di gestione per il rischio clinico e informata l'Agenzia italiana per il farmaco anche per i monitoraggi successivi.

La ragazza sarà seguita anche dal centro di immunologia clinica dell'azienda ospedaliero universitaria di Careggi a Firenze, con cui la direttrice delle malattie infettive del Noa Antonella Vincenti ha già preso contatto. I primi campioni ematici sulla tirocinante sono già stati prelevati e trasferiti nel capoluogo. Verranno effettuati in seguito prelievi seriali per valutare la risposta anticorpale che per effetto paradosso potrebbe essere inficiata. Ci sarà quindi da stabilire anche se e come effettuare eventualmente il richiamo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno