Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE7°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Audio - Dentro la macchina di Messina Denaro con la foto scattata da lui: «Sono fermo per sta commemorazione della m...»

Attualità mercoledì 07 settembre 2022 ore 18:40

Scuola, in Toscana l'11,1% dei ragazzi abbandona

studenti

Un rapporto Save the Children analizza dispersione scolastica e povertà educativa in relazione ai servizi offerti. Ecco il quadro nelle varie regioni



MILANO — Abbandono scolastico precoce all'11,1% a fronte di una media nazionale del 12,7%, e 3.492 classi della scuola primaria senza tempo pieno: non sono che alcuni dei dati sul sistema scolastico toscano che emergono dal rapporto Alla ricerca del tempo perduto - Un’analisi delle disuguaglianze nell’offerta di tempi e spazi educativi nella scuola italiana diffuso oggi da Save the Children che elabora gli OpenData del ministero dell'istruzione.

La crisi innescata dal Covid e amplificata dalla guerra in Ucraina e dai rincari energetici incide sulla povertà tra i minori ovunque e anche in Italia, Toscana inclusa, mettendo a rischio i percorsi educativi. 

Risultato: "Un milione 382mila minori in povertà assoluta, in Toscana dispersione scolastica all’11,1% e 15-29enni senza scuola, formazione o lavoro al 17,9% più che in ogni altra regione italiana", sentenzia l'organizzazione che oggi in proposito lancia anche una campagna social insieme a Tik Tok che vede fra i protagonisti l'insegnante 29enne fiorentino Matteo Nesti.

In Toscana secondo il rapporto appare elevato il numero dei Neet, acronimo di Not in education, employment or training che identifica i 15-29enni fuori da ogni percorso di lavoro, istruzione o formazione. In Italia la loro percentuale raggiunge il 23,1%, con il 17,9% della Toscana, a fronte di una media europea del 13,1%.

Il rapporto prende in esame gli esiti sullo stato di scolarizzazione e - per contro - povertà educativa dei ragazzi e lo correla alle carenze in termini di tempi e spazi da parte delle scuole. Mense, palestre, tempo pieno alle elementari e stato dell'agibilità sono tra i fattori che secondo Save the Children possono influire sull'impoverimento educativo dei ragazzi. Migliore è l'offerta, in sostanza, minori sono abbandono e dispersione scolastici.

Accento acuto sul tempo pieno, le 40 ore alle elementari. In Italia le classi che lo adottano sono in media il 37,3% e in questo scenario la Toscana è fra le migliori con una percentuale del 52,8% che la colloca al secondo posto dopo il Lazio (55,7%) e prima della Basilicata (52,4%) e della Lombardia (52,3%). Il tempo pieno per contro appare un miraggio in Sicilia (11,5%) e in Molise (7,5%), ma anche in Puglia (18,7%), Campania (18,8%) e Abruzzo (19,6%)

Grafico tempo pieno a scuola

Fonte: Save the Children su dati OpenData Istruzione

Il tempo pieno, le province al top

In Toscana, secondo le stime dell'organizzazione, trasformare a tempo pieno le 3.492 classi che non lo hanno - e che in Italia sono 81.639 - costerebbe circa 62 milioni di euro. 

Le province toscane che sul tema vantano un dato sopra media sono Firenze (73,9%) e Prato che col suo 85,6% con Milano, Lodi e Monza Brianza si attesta oltre l'80%.

Mappa tempo pieno a scuola

Fonte: Save the Children su dati OpenData Istruzione

Dove alle elementari si mangia a mensa

La mensa è il corollario naturale del tempo pieno, il servizio senza il quale le 40 ore sono impossibili. Non solo, perché è un presidio fondamentale per garantire a tutti i bimbi, soprattutto quelli in condizione di povertà, un'alimentazione corretta.

Su questo parametro la Toscana vede punte di presenza delle mense nelle scuole significative: Prato (90%), Firenze (88%), Lucca (84,1%), Pistoia (82%), seguite da Siena (80%), Pisa (78,4%), Grosseto (75,6%), Livorno (74,1%), Arezzo (67,2%) e Massa-Carrara (66,2%).

Più basse le percentuali di presenza nelle mense alla scuola media, con la Toscana comunque a presentare una buona performance.

mappa scuole con mensa

Fonte: Save the Children su dati OpenData Istruzione

In palestra a scuola, ecco dove si può

Se a livello nazionale la metà circa delle scuole primarie e secondarie di I grado hanno la palestra, dal rapporto emerge che solo le province del Centro e del Nord eguagliano o superano la percentuale del 50%, con punte oltre al 60% nella primaria e al 70% nella secondaria di primo grado nelle province di Prato, Firenze, Grosseto, Savona, Venezia, Imperia e Livorno

mappa scuole con palestra

Fonte: Save the Children su dati OpenData Istruzione

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il violento impatto ha coinvolto un'auto e un furgoncino. Due tra i feriti sono in condizioni più serie. Altri incidenti a Sinalunga e a Lucca
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca